giovedì, 27 Gennaio 2022

Serie A, Gagliardini-Lautaro e l’Inter vince ancora. Battuto lo Spezia dell’ex Thiago Motta

Un'azione da PlayStation porta in gol Gagliardini su tacco di Lautaro, durante la ripresa è proprio l'argentino a firmare il raddoppio. Seconda sconfitta consecutiva per i liguri.

Da non perdere

Inter in emergenza e Spezia reduce dalla sconfitta casalinga contro il Bologna. L’ex Thiago Motta tenta, dalla panchina, il dispetto a Inzaghi. Nerazzurri senza de Vrij, Ranocchia e Bastoni: al centro della difesa si piazza Škriniar, a sinistra Dimarco e a destra D’Ambrosio.

Prove di tango all’8′ tra Lautaro e Correa, ma il destro di quest’ultimo termina fuori. Al 25′ è invece la conclusione di Lautaro, con lo stesso piede, ad avere la stessa sorte su passaggio di Dumfries. Proprio l’olandese lascia partire un mancino respinto da Provedel al 28′. L’Inter sente odore di rete. Siamo al 35′. Çalhanoğlu imposta, D’Ambrosio riceve, passa a Lautaro, destro di tacco e Gagliardini firma il vantaggio. 1-0 e PlayStation-Inter. Dopo cinque minuti ecco le prove per il raddoppio: Correa ne fa fuori due, però il terzo ci mette il fisico e si salva in calcio d’angolo. E da un angolo arriverà l’unico pericolo per Handanovič: stacco di testa di Amian, sul finire della prima frazione di gioco, e il capitano si distende per evitare il pareggio. L’azione continua, Lautaro non centra il 2-0.

La ripresa principia con i due cambi di Thiago Motta. Non sortiscono effetto: 51′ e il destro di Correa si stampa sulla traversa. Trascorrono 120 secondi e super-Provedel respinge la botta dal limite di Çalhanoğlu. Tuttavia il Biscione non si demoralizza: scocca il ’56 e il sinistro di Lautaro sbatte sulla mano di Kiwior. Rigore, destro del 10 nerazzurro, raddoppio. Spiazzato Provedel. Due minuti appresso è ancora Çalhanoğlu/Provedel ed è ancora respinta del portiere spezzino. Si rivedono Sensi e Sánchez: fuori Çalhanoğlu e Correa. Al 70′ Perišić cerca il 3-0 di testa: poco sopra la traversa. Lo Spezia si fa sotto solo all’83’: sul destro al volo di Manaj Handanovič blocca a terra. Poi c’è lo squillo di Sánchez, ma ci vuole altro per bucare Provedel. La partita si chiude col Cile in azione: Sánchez, Vidal, dentro al posto di Gagliardini, e Provedel si rifugia in corner. La Beneamata vince e conferma la propria posizione in classifica.

Ultime notizie