lunedì, 27 Settembre 2021

Brasile, complicità nel disboscamento di 214mila metri cubi: nel mirino il ministro Salles

Richiesta per costituire una Commissione parlamentare d'inchiesta sulla condotta del ministro dell'Ambiente, Ricardo Salles, accusato di complicità con i gruppi che deforestano l'Amazzonia.

Da non perdere

Nella giornata odierna, i partiti dell’opposizione in Brasile hanno presentato al Congresso di Brasilia una richiesta per costituire una Commissione parlamentare d’inchiesta sulla condotta del ministro dell’Ambiente, Ricardo Salles, accusato di complicità con i gruppi che deforestano l’Amazzonia.

Alessandro Molon, parlamentare del Partito socialista brasiliano, ha citato il commissario della polizia federale, secondo cui Salles farebbe parte di una “organizzazione criminale” collegata ai taglialegna illegali dell’Amazzonia.

Saraiva, capo della polizia federale, questa settimana ha riferito in Parlamento che lo spostamento di Salles nello Stato di Amazonas avrebbe favorito i responsabili del disboscamento di 214mila metri cubi di legname del valore di circa 22 milioni di dollari. Successivamente alla denuncia, Saraiva è stato sollevato dall’incarico di sovrintendente della polizia federale di Amazonas.

Ultime notizie