I tre connazionali hanno fatto segnare tempi inferiori ai 20’’: 19″ 32 per “lightning” Bolt, 19″ 44 per la medaglia d’argento Blake e 19″ 84 per Warren Weir, bronzo.

‹‹Ringrazio tutti i miei fan e tutte le persone che hanno creduto in me – ha scritto Bolt su Twitter – Un grande ringraziamento anche al mio coach Glen Mills, un genio. Adesso posso dire con certezza di essere una leggenda vivente››.

Spaccone come sempre ma a ben ragione. Nessuno, infatti, neanche l’inimitabile Carl Lewis era riuscito nell’impresa di mettersi al collo quattro ori consecutivi in sole due olimpiadi. Bolt c’è riuscito, quindi signori, è vero: stiamo assistendo ad una leggenda.

10 agosto 2012

Angelo Fischetti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here