Un vero e proprio bollettino di guerra, infatti, quello registrato oggi a Piazza Affari, ma in generale nelle Borse europee. Il differenziale tra i Btp italiani e i Bund tedeschi è schizzato a 370 punti, vanificando del tutto l’intervento di sostegno della Bce di pochi giorni fa, realizzato con un massiccio acquisto di titoli del nostro Paese. Inoltre, l’agenzia di rating Moody’s intende tenere l’Italia sotto osservazione, in vista di un eventuale declassamento.

Dati allarmanti, che hanno indotto il Capo dello Stato a intervenire con decisione, suggerendo la propria personale ricetta anticrisi: “Si è ancora in tempo per introdurre in Senato nella legge di conversione del decreto del 13 agosto misure capaci di rafforzarne l’efficacia e la credibilità. Faccio appello a tutte le parti politiche perchè‚ sforzi rivolti a questo fine non vengano bloccati da incomprensioni e da pregiudiziali insostenibili”.

Alla vigilia, dunque, dello sciopero generale indetto dalla Cgil per domani, il presidente della Repubblica lancia un appello bipartisan e invita tutte le parti politiche a superare gli steccati e finalizzare i propri comportamenti verso l’unico risultato che conta in questo momento, cioè la ripresa dell’economia nazionale.

Martina Damiani

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here