Migranti, stretta di Salvini: circolare ai Prefetti sulla gestione umanitaria

Intesa sui migranti trovata tra i tre leader dei partiti della grande coalizione in Germania. Si scrive così la parola fine alle tensioni nel governo Merkel che nei giorni scorsi avevano creato forti preoccupazioni scatenate dal Ministro dell’Interno tedesco. Seehofer aveva sostenuto fortemente i respingimenti diretti al confine di chi fosse già registrato in altri paesi europei. Nella serata di ieri aveva detto: “Pensiamo a centri trasferimento che si troveranno nelle stazioni di Polizia già esistenti. I migranti potranno essere fermati per non oltre 48h e rimandati indietro nei paesi di competenza, ma sempre e solo sulla base di accordi con questi ultimi”.

Intanto in Italia una circolare inviata dal Ministro dell’Interno Matteo Salvini a prefetti e presidenti delle commissioni per il riconoscimento della protezione internazionale, introduce una stretta sui permessi di soggiorno umanitari che risulta incrementato del 28% quest’anno. “Ho chiesto -dice Salvini- velocità e attenzione nel dare accoglienza a chi davvero scappa dalla guerra, ma anche nel bloccare tutti coloro che non hanno diritto alla protezione. resta inteso che donne incinte e bambine resteranno in Italia”. Nel pomeriggio di ieri Salvini ha ricevuto al Viminale il Vice Premier libico, Ahmed Maiteeg, che già precedentemente aveva incontrato. Il Premier libico ha chiesto la fine dell’embargo per poter garantire maggior sicurezza in Libia.

Sul tema migranti la prossima settimana è previsto  un vertice tra Germania, Austria e Italia, con l’obiettivo di fermare la rotta del Mediterraneo. Il Cancelliere austriaco Kurz e il Ministro degli Interni tedesco Seehofer che si sono già visti nelle scorse ore hanno anche già tracciato le linee guida. I profughi registrati in Italia e Grecia che si presentano alla frontiera di Austria e Germania saranno inviati a centri di transito e poi respinti a Roma o Atene. Dunque, verranno respinti tutti colori che sono stati registrati in altri paesi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here