Italia-Svezia
Ventura e Buffon

Italia ‘nominata’. Erano 60 anni che della nazionale italiana non si ricordava una prestazione così deludente come quella di ieri sera. Il calore, il sostegno morale degli 80.000 tifosi a San Siro a nulla è valso. La Svezia fino all’ultimo ha strenuamente difeso quel traguardo dell’1-0 segnato all’andata. Passa la Svezia, dunque, con non poche polemiche tra rigori non segnalati e gioco di squadra del tutto assente. La remuntada della nazionale italiana tentata disperatamente nell’ultimo quarto d’ora di gioco del secondo tempo, non ha portato i risultati sperati. Lo sprint finale, dunque, non fa primavera e scrive inesorabilmente una pagina nera che rimarrà nella storia del calcio mondiale.

Vergogna e lacrime sul campo dopo la partita. Buffon si sfoga in un lungo pianto ai microfoni delle tv. Ventura chiede scusa agli italiani a latere in una conferenza stampa, ma il suo destino professionale è segnato. Una clausola sul contratto sigla la fine del suo rapporto senza qualifiche ai mondiali. Il tutto condito da una  stampa mondiale che non si esime dal dispensare titoloni su questo triste risultato di pareggio che non consente alla squadra italiana di qualificarsi ai mondiali. E giù occasioni di critica pensante. L’Italia è stata ‘nominata’ e non accederà ai Mondiali 2018, è questo quel che ricorderemo della serata del 13 Novembre 2017. Ora la nazionale italiana dovrà ripartire da zero, e rimettere insieme i pezzi di una squadra che un tempo ha fatto sognare il mondo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here