La Terra ha tremato alle 7:58 ora locale. Era quasi l’ 01.00 di questa mattina in Italia. Un terremoto di intensità 6.1 rilevato a 15 Km di profondità, con epicentro a Takatsuki, località poco lontana da Osaka, seconda città del Giappone con 2 milioni e mezzo di abitanti ai quali si aggiungono 6 milioni di persone che vivono nell’area urbana.

E’ proprio la città di Osaka ha vissuto attimi di paura. La gente si è subito riversata lungo le strade. Sono 3 i morti accertati fino ad ora. Tra le vittime ci sarebbe anche una bambina di 9 anni rimasta schiacciata dal crollo di un muro. Il bilancio dei feriti si attesta a 41. Un numero che però pare destinato a salire.

Il sisma ha provocato l’interruzione del servizio dei treni ad alta velocità. Cancellati una decina di voli da e per l’aeroporto del Kansai. Immediatamente sospesa la fornitura di gas a più di 100.000 abitazioni nella prefettura di Osaka. Mentre un blackout energetico si è verificato in più di 100.000 case.

Edifici pubblici e scuole sono state da subito evacuate. Numerosi stabilimenti industriali hanno dovuto bloccare la loro produzione tra questi Panasonic, Daihatsu. Nessuna anomalia è stata segnalata nelle centrali nucleari di Takahama, Mihama e Ohi. Il Premier Shinzo Abe ha sottolineato che la priorità è ancora focalizzata sui soccorsi alle persone in difficoltà. Ii sismologi avvertono che si tratta della maggiore attività sismica dal 1923 nell’area del kansai dov’è localizzata la città di Osaka.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here