Juncker:

Il Ministro dell’Economia Tria ha anticipato il rientro a Roma dall’Eurogruppo per partecipare nel pomeriggio di oggi alla cabina di regia a Palazzo Chigi sul piano di investimenti. Al Consiglio Ecofin lo sostituirà il Direttore Generale del Tesoro.

“Il rientro del Ministro era già programmato. Stiamo mettendo a punto gli ultimi punti del Def”, ha dichiarato il vice Premier Di Maio nell’intento di smorzare la tensione che ha contribuito a far impennare lo spread fino a 282 punti base. E poi nell’intento di difendere la manovra di governo accusa il Commissario Europeo Moscovici di provocare con le sue dichiarazioni il rialzo dello spread. Allo stesso tempo però resta fiducioso nell’approvazione della manovra da parte di Bruxelles.

All’Eurogruppo di ieri Tria ha illustrato la manovra e ha rassicurato: “Il debito Pil scenderà, l’Europa stia tranquilla”. Ma sulla manovra arriva il duro attacco del Presidente della Commissione Europea Jean-Claude Juncker che ha detto: “Bisogna evitare che l’Italia reclami trattamenti speciali, che se concessi a tutti significherebbero la fine dell’Euro”. E secca arriva la risposta di Triache prima di lasciare Lussemburgo ha detto: “Non ci sarà nessuna fine dell’Euro”.

3 Commenti

  1. Come dire, dà giudizi sulla manovra senza neppure averla letta. Questo personaggio fa terrorismo finanziario istituzionale e fa salire lo spread. E somiglia sempre più a un noto personaggio dei fumetti di Alan Ford: “Superciuk, la minaccia alcoolica”.

  2. Qualche ora prima di fare dichiarazioni dannose toglietegli la bottiglia del Johnny Walker a Superciuk. Siamo nelle mani di un alcolista.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here