gestori telefonia
gestori telefonia

Stop agli aumenti delle bollette telefoniche. Arriva l’ordine perentorio dall’antitrust di sospendere in via cautelare, ma con ragioni di estrema gravità e urgenza i rialzi tariffari  annunciati dai maggiori operatori di telefonia, dopo la decisione della stessa autorità di fermare la fatturazione a 28 giorni con l’obbligo di ritornare a quella mensile.

Per Vodafone, Wind Tre, fastweb e Telecom gli aumenti sarebbero scattati tra due giorni, precisamente dal 24 Marzo in poi, con un rialzo pari all’8,6%, splamato su 12 mesi anzichè 13. La procedura valida all’unisono per i gestori ha fatto ravvisare nel Garante della Concorrenza un’intesa tra le compagnie, chiamate ora a ridefinire la propria offerta in modo autonomo.

Un’istruttoria sui comportamenti dei quattro operatori, ritenuti troppo simili, era già stata avviata agli inizi di febbraio. Gli ispettori dell’antitrust avrebbero raccolto prove di contatti quasi giornalieri tra le compagnie, che attraverso l’ associazione di categoria Astel, si sarebbero accordate per mantenere fermo l’aumento dell’8,6%, a danno delle dinamiche competitive del mercato.

Ora hanno 7 giorni di tempo per provare il contrario. Le sanzioni che potrebbero essere inflitte ad ogni operatore potrebbero arrivare fino al 10% del fatturato.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here