Grecia

Da Atene arriva l’ultim’ora che il Governo ha tutte le intenzioni di onorare i debiti che ha con l’UE.  Pochi giorni ancora per stabilire le modalità. Intanto ipotizziamo lo scenario peggiore.

La Grecia lascia l’Europa, (Grexit) che succederà? L’ipotesi di una uscita non concordata della Grecia lascia il campo a diverse ipotesi sugli effetti per la Grecia, per l’Italia e per l’Europa. Si tratta di una ipotesi che nei trattati di costituzione dell’Europa non è stata neppure prevista. In questo clima di incertezze sarebbe opportuno che il tutto possa essere concordato e scansionato nel tempo per calibrarne gli effetti.

Ma per farlo occorre appunto che tutti siano d’accordo ed essere d’accordo significa concordare quale debba essere il carico di sacrificio per ciascun paese. Ricordiamo gli ultimi eventi.Il Ministro degli interni Nikos Voutsis ha dichiarato recentemente che la Grecia non potrà pagare le quattro rate di prestito del FMI per un Miliardo e 600 milioni. Cosa comporterà questo atteggiamento? Il mancato pagamento avrà come corollario le inadempienze di natura commerciale dello stato greco.

La Grecia è un paese che non ha materie prime . Questo comporterà una crisi energetica ovvero la ricerca di altri partner alternativi che le facciano credito per l’approvvigionamento delle risorse energetiche (vedi Russia ). Rimarranno insoluti anche i debiti nei confronti dei paesi europei. Con i numeri la Grecia con il suo 3 percento della entità complessiva europea non sconvolgerà i mercati europei . Il solo PIL della Lombardia supera quello greco. Ma il fallimento greco potrà creare un precedente . Potrà essere la dimostrazione che dall’Euro si può uscire e che i debiti si possono non pagare.

Ci sarebbe infine l’effetto relativo ad una svalutazione della dracma ripristinata. Si tratta di elaborazioni teoriche ma che collocano l’ipotesi del ritorno della dracma con una svalutazione rispetto all’Euro fra il 40 ed il 50% . Da cosa nascono queste valutazioni non sono in grado di riportarlo ma credo che neppure gli autori di queste previsioni siano in grado di dirlo. Una conseguenza che non viene presa in considerazione riguarda gli aspetti politici internazionali dell’evento.

A me viene in mente il Cile e le vicende che hanno accompagnato il Cile. La Grecia ha già avuto il regime dei colonnelli per accadimenti di minore portata economico-finanziaria. La debolezza dei paesi dell’Europa è maggiore di quella dei tempi dei colonnelli e la crisi di rapporti finanziari internazionali, con la crisi del dollaro, potrà accentuare l’ipotesi di svolte autoritarie. Dovremo vigilare ma abbiamo una classe politica scadente ed asservita. Speriamo bene.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here