Trenord, l'annuncio shock:
Trenord

“Giù dal treno zingari e molestatori, avete rotto…”. Un annuncio shock dato a bordo di un treno e la compagnia Trenord finisce ancora una volta nella bufera mediatica e non solo. Agli annunci per ritardi sulle tratte o guasti sui convogli che viaggiano in precarie condizioni ci abbiamo quasi fatto il callo, ma forse mai prima d’ora si erano sentiti toni e modi così fermi per invitare i passeggeri a non fare l’elemosina ai molestatori a bordo e per chiedere agli zingari di scendere perchè «hanno rotto…».

Sono le parole pronunciate sulla tratta Milano-Mantova da una dipendente di Trenord, la società ferrovie della Lombardia. La denuncia è arrivata dai passeggeri e l’annuncio corre in rete più forte del treno stesso. La società Trenord ha provveduto nell’immediato a formulare scuse per l’accaduto, ma per la dipendente si paventano guai all’orizzonte con il rischio di licenziamento.

E c’è chi pare giustificare l’annuncio come l’assessore lombardo alla sicurezza, Riccardo De Corato, secondo cui «il personale è esasperato dalle continue violenze di nomadi ed immigrati clandestini». Ricorda poi che «su quella tratta ci sono state 224 tra aggressioni e minacce in un solo anno».

“Invece di preoccuparsi delle aggressioni di passeggeri e controllori, ci si preoccupa degli annunci contro i molestatori. Viaggiare sicuri deve essere una priorità”, tuona il Ministro dell’Interno Matteo Salvini. E dal Pd arriva la replica a stretto giro: “Il governo sta dando copertura politica ad azioni inaudite”.

2 Commenti

  1. La si può pensare in maniera diversa, quello che conta è il risultato. Ma davvero la capotreno pensava di risolvere il problema con un annuncio tra l’altro inutilmente sguaiato all’altoparlante?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here