Grecia, continuano le ricerche delle vittime. Sale a 80 morti il bilancio

Continuano incessanti le ricerche casa per casa e lungo la costa, delle vittime degli incendi divampati lunedì nel circondario di Atene, a Rafina, Kineta e Mati. Proprio a Mati la piccola città balneare a nord-est della capitale greca, ormai rasa al suolo, sono stati trovati 26 corpi abbracciati nel giardino di una villa.

Il bilancio delle vittime è salito drammaticamente a 80. Quello dei feriti è di circa 500, ma sono ancora decine i dispersi. E mentre arrivano aiuti da tutta Europa, con l’Italia che ha  già inviato due canadair, il governo Tsipras ha annunciato misure straordinarie: stanziati 20mln nell’immediato, un conto corrente per le donazioni a sostegno delle vittime e aumento del pattugliamento delle forze dell’ordine per contrastare lo sciacallaggio.

Nel frattempo montano anche le polemiche sul caso. Dai forti sospetti dell’origine dolosa degli incendi si distingue il Ministro della Protezione Civile, Tzokas che riconduce la tragedia ai cambiamenti climatici che hanno preso forma in venti di burrasca fortissimi alimentando le fiamme.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here