Milano, Nicolò Bettarini: fermate 4 persone nella notte

Non ce l’ha fatta la giovane donna travolta da un’auto sul Lungotevere dei Cenci a Roma. E’ morta per le gravissime ferite riportate nell’incidente. Ora l’uomo alla guida della macchina pirata, fermato e reo confesso, dovrà rispondere di omicidio stradale e non più di lesioni gravi.

Dopo un primo intervento subito al San Camillo di Roma la 26enne è morta. Il 29enne non ha mai preso la patente ed era anche risultato positivo al test della cocaina. Gli inquirenti sono riusciti a rintracciarlo grazie alla descrizione dell’auto, una Fiat Panda, fatta da un testimone dell’incidente. La donna aveva appena salutato il testimone e amico quando è stata travolta. Subito dopo l’impatto l’investitore era scappato via. Il Pirata era a bordo di un’auto non sua. La vettura infatti era risultata intestata ad un genitore di una diciottenne, anch’essa senza patente che gli sedeva accanto.

Ed è stato proprio grazie alla ragazza che gli inquirenti sono riusciti ad identificare anche il guidatore. Gli agenti erano stati chiamati ad intervenire in un’abitazione per sedare una lite in famiglia. L’abitazione in questione era proprio quella della 18enne che stava discutendo violentemente con i genitori, probabilmente a causa di quanto accaduto. Quando le forze dell’ordine sono intervenute presso l’abitazione hanno trovato la Panda incidentata ed ancora sporca di sangue.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here