Continuano i controlli dei Carabinieri della Compagnia di Nicosia e dello Squadrone Eliportato Cacciatori “Sicilia” che da mesi stanno battendo palmo a palmo tutta l’area dei Nebrodi a nord della provincia di Enna ed al confine con il messinese.

Il controllo straordinario del territorio, finalizzato al contrasto dei reati in materia di armi e munizionamento, questa volta ha riguardato l’area del parco dei Nebrodi tra i comuni di Cesarò e Cerami.

L’esito del servizio svolto dalla Stazione di Cerami ha consentito di trarre in arresto due fratelli allevatori di Tortorici, il 34enne Leonardo Galati Rando e il 35enne Aurelio Galati Rando, poiché ritenuti responsabili in concorso del reato di ricettazione e detenzione illegale di arma e munizionamento.

In particolare nel corso della perquisizione operata presso un fabbricato rurale di loro proprietà ubicato in contrada Monte acuto agro del comune di Cesarò (ME), sono stati rinvenuti, debitamente occultati in una cavità di un muro a secco perimetrale al fabbricato 3 fucili realizzati artigianalmente calibro 22; 1 fucile da caccia cal. 16 e  centinaia di cartucce di vario calibro per fucile a palla singola e spezzata.

Gli allevatori sono stati tratti in arresto e tradotti presso la Casa Circondariale di Catania, Piazza Lanza come  disposto dal pubblico ministero di turno della Procura della Repubblica di Enna.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here