Treviso - il caso della professoressa
Treviso - il caso della professoressa

Una tragedia quasi annunciata quella della morte della professoressa. Sapevano tutti i vicini di casa dell’uomo che la picchiava. In molti sono stati testimoni dei frequenti litigi anche nel cuore della notte. Elda Tandura, 66 anni, una laurea in lettere, da tempo soffriva di problemi psichiatrici. Viveva in uno stabile poco distante dal centro di Vittorio Veneto. E’ morta in ospedale dopo un mese di ricovero e dopo aver subito due interventi destinati a ridurre i gravi ematomi cerebrali.

La Procura di Treviso ha aperto un’inchiesta. Il sospetto è che quelle lesioni siano la conseguenza degli ultimi maltrattamenti ad opera del compagno, un disoccupato 47enne. L’uomo era già stato più  volte denunciato da Elda Tandura, ma i due continuavano comunque a frequentarsi. Lei non riusciva a staccarsi da lui, riaccogliendolo sempre in casa. Qualcuno racconta che anche gli assistenti sociali sapessero, date le frequentazioni quotidiane dell’appartamento. Ora si aspettano i risultati dell’autopsia.

Le ipotesi di reato, maltrattamenti e lesioni potrebbero aggravarsi nei confronti del compagno dell’anziana sino ad arrivare all’accusa di omicidio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here