La Polizia di Rimini ha sgominato un’organizzazione criminale dedita all’immigrazione clandestina. Tre persone sono state arrestate e 14 denunciate, per alcune di loro sono state anche avviate rogatorie internazionali con Germania, Francia, Austria, Russia, Norvegia e Belgio.

Gli stranieri intenzionati a stabilirsi in Europa illegalmente, pagavano 1.500 euro a persona. Arrivati a Rimini, si affidavano al gruppo criminale che si occupava della sistemazione temporanea e al trasferimento nel Paese desiderato.

Le indagini hanno accertato che numerosi nuclei familiari, provenienti dalla Cecenia, dal Daghestan e dall’Ossezia, una volta entrati in Italia col visto turistico all’aeroporto di Rimini, hanno fatto perdere le loro tracce non presentandosi all’imbarco per il volo di ritorno, diventando così clandestini.

La prassi prevedeva che, dopo aver distrutto i documenti e cambiato le proprie generalità, i clandestini venivano sistemati in qualche albergo della riviera in attesa che la banda consentisse loro di raggiungere il Belgio, i Paesi Baschi, la Germania, l’Austria, la Norvegia, la Svezia e la Francia dove richiedere lo status di rifugiato politico.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here