I minorenni, già identificati e denunciati il giorno dei disordini dopo essere stati bloccati dalla Polizia in via Merulana insieme ad altri sei giovani (per i quali nell’immediatezza degli episodi di violenza si era proceduto, invece, all’arresto), avrebbero tirato bombe carta, sassi e bottiglie in direzione dei contingenti delle forze dell’ordine.

Pare, inoltre, che per l’occasione il gruppo di giovani, che durante gli scontri ha dato alle fiamme anche alcuni cassonetti della spazzatura nel tentativo di creare delle barricate, si era organizzato ad hoc per creare caos in quella che, almeno sulla carta, avrebbe dovuto essere una manifestazione pacifica.

I fermati, infatti, erano stati trovati in possesso di due maschere antigas, un manico di piccone con nastro adesivo come impugnatura, nonché di numerosi volantini inneggianti alla rivoluzione.

Nicola de Mola

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here