La giovane, soccorsa in stato di incoscienza e senza documenti, ricoverata all’ospedale Santa Corona di Pietra Ligure è stata identificata grazie alle impronte digitali, con la collaborazione tra carabinieri del nucleo operativo del comando provinciale di Imperia e la gerdarmeria francese.

Le impronte digitali sono state comparate con quelle di una ragazza di Valence, centro francese nelle vicinanze di Lione, dove era stata denunciata la scomparsa di una ragazza la cui fisionomia era compatibile con quella della giovane che si era allontanata da casa il 26 febbraio scorso insieme con un amico di 22 anni, che ora e’ ricercato dalle forze dell’ordine.

I due sembrerebbero incensurati e la trasferta in Italia sarebbe legata a un viaggio volontario. I militari stanno anche cercando una BMW scura serie 1, filmata da una telecamera aziendale vicino al luogo del ritrovamento della ragazza, che potrebbe essere la stessa BMW con cui i due giovani erano partiti da Valence.

Da alcune indiscrezioni emerse dall’ospedale Santa Corona di Pietra Ligure, la giovane 20enne si sarebbe svegliata dal coma farmacologico e avrebbe parlato con i carabinieri grazie all’aiuto di un interprete avrebbe fornito indicazioni sulla sua identità, ma i suoi ricordi al momento sarebbero confusi.

Nicoletta Diella

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here