Genova, stanziati 600mln. Lo Stato potrà anticipare 30mln all'anno

Decisi gli stanziamenti per Genova. Confermati i circa 600mln di euro in tutto. Quello che non si evince però dal decreto è il nome del Commissario Straordinario, che pare verrà reso noto più in là con un altro provvedimento, dopo aver sentito anche la Regione Liguria, così come da richiesta del governatore Toti. Il vice premier Salvini ha dichiarato questa mattina che oltre al nome proposto le cui generalità ed il curriculum di tutto rispetto sono passati ora al vaglio del Presidente Mattarella e del Premier Conte, non disdegnerebbe un un altro nome in capo al da farsi, quello del sindaco Bucci.

Superato il vaglio della Ragioneria di Stato, il decreto che contiene anche altre misure, tra  cui ad esempio anche quelle per il sisma di Ischia del 2017, passa ora all’esame del Quirinale, ed arriverà tra circa un mese in aula a Montecitorio.

Autostrade sarà esclusa dalla ricostruzione, ma alla società spetterà l’incombenza dell’onere economico. Se non lo farà sarà lo Stato a garantire con 30mln annui, fino al 2029, salvo rivalersi successivamente sulla società.

Nel frattempo sono stati stanziati altri 20mln per la città di Genova. Ridotti invece quelli per il porto e assenti quelli per i l terzo valico, che però «verranno ripristinati», come ha assicurato il vice ministro Rizzi. Dimezzate le assunzioni di personale per gli enti locali: 250 e non 500 unità. Sugli stanziamenti si dice pronto alla battaglia il sindaco Bucci. Mentre per Toti resta il timore per il rischio dei ricorsi e rallentamenti nella realizzazione delle opere.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here