Calabria, attentato incendiario ai danni di agenti della Polizia Penintenziaria

Allarme criminalità. Vile e vigliacco ennesimo gesto di criminalità organizzata calabrese ai danni di beni e uomini, servitori onesti dello Stato della Polizia Penitenziaria impiegati contro il crimine nelle prigioni del Reggino (Reggio Calabria).

L’incendio della scorsa notte, rimasto ancora nell’anonimato messo a segno dalla criminalità organizzata è facilmente interpretabile come un segnale contro l’operato onesto e laborioso della Polizia Penitenziaria.
“Le cause -tuona Domenico Mastrulli, Segretario Generale Nazionale del CO.S.P.- sono senza dubbio da ricercarsi  proprio nelle difficoltà in cui opera il Corpo della Polizia Penitenziaria per l’assenza da tempo, in pianta stabile di un Provveditorato Regionale “ombra”, nella grave carenza di Polizia Penitenziaria nei due Istituti di Reggio Calabria, nella mancanza da mesi di un comandante di reparto titolare in uno dei due istituti e ancora nell’assenza di iniziative finalizzate al contrasto del sovraffollamento e della politica buonista messa in campo da chi dovrebbe invece invocare certezza della pena e non liberazione dalle celle e nei corridoi o spazi in comune dei galeotti.
Le auto interessate dall’incendio erano parcheggiate sotto le abitazioni dei rispettivi poliziotti penitenziari”.

Le fiamme hanno generato un vero e proprio rogo che ha distrutto completamente i veicoli. Testimoni hanno raccontato di un boato e subito dopo vetri di edifici adiacenti in frantumi e pneumatici scoppiati. Ed è stato subito panico tra la gente.
Da Domenico Mastrulli arriva l’appello alle Istituzioni: “Intervengano il Capo del Governo, il Capo del Dicastero Politico della Giustizia e il Ministro dell’Interno, in Calabria, ma non solo poichè servono uomini, mezzi, politiche sulla certezza della Pena e cambio al Vertice del PRAP CATANZARO con i Prefetti delle Province. Come Segretario Generale Nazionale del CO.S.P. la nostra vicinanza e la solidarietà ai due Poliziotti ma anche a tutta la Polizia che opera in Calabria. Come Socio Fondatore, Presidente Onorario e Tesoriere dell’O.P.S. OSSERVATORIO POLITICHE SULLA FAMIGLIA, SUL SOCIALE E SULLA SICUREZZA inviterò i miei Colleghi dell’O.P.S. tutti e la Presidenza ad intervenire sull’argomento “Sicurezza” investendo se necessario i Vertici della Politica nazionale di CAMERA e SENATO della REPUBBLICA”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here