Dal 12 al 20 maggio l’Associazione Nazionale Vittime Civili di Guerra sarà presente alla 99^ edizione della Fiera di Padova. I volontari del Dipartimento Ordigni Bellici Inesplosi, della Regione Veneto e della sezione di Padova dell’ANVCG, ogni pomeriggio dalle 16:30 alle 24, il sabato e la domenica dalle 10 alle 24, saranno al Padiglione 15 per promuovere le attività dell’associazione.

Conoscere per Ri-Conoscere, viaggio nelle scuole d’Italia. È la campagna di sensibilizzazione promossa negli istituti scolastici in collaborazione col MIUR, incentrata sul pericolo prodotto dai residuati bellici inesplosi. Ogni anno vengono ritrovati circa 60mila residuati bellici inesplosi, causa di incidenti letali o gravemente invalidanti. A inizio marzo 23mila persone sono state evacuate da Fano a causa di un ordigno ritrovato in un cantiere e innescato per errore. Sorte analoga hanno subito 9mila bolognesi ai primi di aprile. Con l’ausilio di slide, foto, filmati e all’esame di reperti inerti, grazie a Conoscere per Ri-Conoscere, gli studenti possono comprendere quanto, ancora oggi, residuati bellici di ogni tipo e calibro siano altamente pericolosi per chiunque si trovi nei pressi del luogo dove è avvenuto il ritrovamento.

Stop alle bombe sui civili. Con questo slogan l’Associazione Nazionale Vittime Civili di Guerra sta promuovendo in Italia la campagna dell’International Network on Explosive Weapons volta a sensibilizzare le Nazioni e gli organismi sopranazionali al fine di ridurre in modo significativo le sofferenze prodotte dai bombardamenti sui centri abitati. L’ANVCG sta portando avanti sul territorio una serie di azioni conoscitive affinché, tra le altre cose, siano garantiti il pieno rispetto dei diritti delle vittime e dei sopravvissuti e soprattutto affinché siano individuati dei principi universalmente accettati per proibire o limitare l’uso di armi esplosive nelle aree densamente popolate.

Giornata Nazionale delle Vittime Civili di Guerra e dei Conflitti nel Mondo. Con la Legge n.9 del 25/01/2017 il Parlamento italiano, su impulso dell’Associazione Nazionale Vittime Civili di Guerra e del MIUR, ha istituito per il 1° febbraio di ogni anno la “Giornata Nazionale delle Vittime Civili delle guerre e dei conflitti nel mondo” al fine di conservare la memoria delle vittime civili di tutte le guerre e di tutti i conflitti nel mondo, nonché di promuovere la cultura della pace e del ripudio della guerra.

Insieme ai volontari dell’Associazione Nazionale Vittime Civili di Guerra ci saranno i Promotori di Pace e solidarietà, membri dell’ANVCG, sostenitori e divulgatori della cultura di pace. Il primo scopo statutario dell’Associazione, insieme a quello di rappresentanza e tutela delle vittime civili di guerra italiane, è infatti promuovere l’educazione delle coscienze alla cultura della pace mediante iniziative tendenti all’esaltazione del suo valore quale bene primario dell’umanità.

A oltre 70 anni dalla Seconda Guerra Mondiale, la cronaca racconta il pericolo a pochi passi da noi. Dal XX secolo, guerre e conflitti hanno infierito sempre di più sui civili, diventati la maggioranza delle vittime. Di queste, un terzo sono bambini e ragazzi. A caduti e mutilati, si aggiungono 65 milioni di persone costrette a lasciare la propria terra per colpa della guerra e degli ordigni inesplosi, nascosti sul territorio e lasciati in eredità alle generazioni future.

Associazione Nazionale vittime Civili di Guerra
Fiera di Padova padiglione 15
12-20 maggio
via Tommaseo, 59
Dal lunedì a venerdì 16:30 – 24:00
Sabato e domenica 10:00 – 24:00

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here