«Lo facciamo da trent’anni». Si sono giustificati così i dipendenti del Comune di Ficarra nel Messinese. Un record di furbetti concentrato in un piccolo comune. Sarebbero 23 i dipendenti su 40 impiegati al Comune rimasti incastrati dalle indagini dei carabinieri di Patti coordinati dalla locale Procura, che parlano di ‘anarchia amministrativa‘.

C’era chi si assentava dal lavoro per andare dal meccanico, alla posta, al mercato e persino fuori paese e chi invece, con mansioni nel settore trasparenza e dell’anticorruzione, in soli due mesi si era allontanato dall’ufficio di segreteria ben 160 volte, rigorosamente senza timbrare il cartellino. Agli atti pause caffè lunghissime.

Sono tre i dirigenti finiti nei guai, che non avrebbero vigilato. Sono 16 i dipendenti sospesi. L’accusa mossa contro di loro è di truffa aggravata e continuata e di produzione di false certificazioni.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here