Una tempesta violentissima sta colpendo l’Italia da nord a sud. Venti che soffiano anche a 160km orari, provocando numerosi danni. Difficoltà di circolazione lungo le strade, ma anche per chi deve prendere il treno o l’aereo. Risultano interrotti anche molti collegamenti con le isole minori.

A nord la perturbazione atlantica ha fatto arrivare la neve e il freddo, tanto da far chiudere anche i mercatini di Natale ad Aosta. Le abbondanti nevicate di queste ore stanno facendo aumentare il pericolo valanghe, in particolare sulle Alpi Occidentali. Il rischio altrettanto forte è sulle Dolomiti, dove sono caduti fra i 15 e i 25 centimetri di neve, tra i 1600 e i 2000 metri. Disagi in Toscana ,confermato il codice rosso in provincia di Firenze, dove le scuole sono rimaste chiuse come a Livorno e a Pisa. Ed è allerta maltempo anche sull’Emilia centro-occidentale, Lombardia sulle aree alpine e prealpine centro-orientali.

Grande attenzione anche per i fiumi. In Toscana è stato superato il primo livello di guardia del Bisenzio e dell’Ombrone. Il maltempo non risparmia neppure la Sicilia. Interrotti i collegamenti con le isole minori, difficoltà anche all’aeroporto di Palermo, dove per le forti raffiche di vento alcuni voli sono stati cancellati e altri dirottati negli scali di Catania e Trapani. Fermi per ore i traghetti in Sardegna. Nuovo stop ai trasporti marittimi anche nel golfo di Napoli. fermi da lunedì mattina tutti i collegamenti di linea da Napoli e da Sorrento per Capri, Ischia e Procida.

Il forte vento si fa sentire anche in Umbria dove continuano a cadere alberi e rami. A Roma sono stati oltre 130 gli interventi dei vigili del fuoco per alberi caduti, pali pericolanti e danni provocati dall’acqua. L’allerta maltempo interessa anche Molise, Friuli e Veneto.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here