Papa Francesco Bergoglio
Papa Francesco Bergoglio

Evitare l’accanimento terapeutico non è eutanasia. Papa Francesco in un messaggio alla Pontificia Accademia della vita, usa parole che da molti sono lette come una svolta della Chiesa su un tema etico che ha fortemente diviso credenti e non credenti.

«Oggi è più insidiosa la tentazione di insistere con trattamenti che producono potenti effetti sul corpo ma talora non giovano al bene integrale della persona», scrive il Pontefice a Monsignor Vincenzo Paglia e a tutti i partecipanti del meeting della World Medical Association, su questioni del cosiddetto fine vita organizzato presso il sinodo vaticano.

Le parole di Francesco non aprono sull’eutanasia. La linea del Papa e della Chiesa restano quelle di sempre, ma Bergoglio invita ad un supplemento di saggezza che tenga conto della dignità umana in certe situazioni in cui, spiega, «L’accanimento terapeutico va oltre la proporzionalità».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here