Teatro Carlo Felice di Genova, Teatro Opera di Roma, Teatro Petruzzelli di Bari e chi più ne ha più ne metta. Le fondazioni lirico sinfoniche sono diventate un pozzo senza fondo, il debito complessivo nazionale sfiora i 400 milioni di euro. La soluzione adottata al Ministero per i beni e le Attività Culturali sembra essere l’esternalizzazione, come sta procedendo d’imperio Carlo Fuortes a Roma con lo scontento delle maestranze.

A Bari, durante la presentazione del libro “Le fabbriche della creatività” a cui partecipavano come relatori sia Carlo Fuortes sia il direttore generale del Mibac Salvo Nastasi, fuori dal Teatro Margherita i sindacati manifestavano tutto il loro dissenso. Alle rappresentanze baresi si sono uniti due rappresentanti dell’Slc-Cgil, Silvano Conti e Augusto Bongiovanni, quest’ultimo ex dipendente proprio dell’Opera di Roma. Abbiamo sentito le loro voci, mentre il direttore generale Nastasi è invece stato avaro di parole, come si può vedere nel video.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here