A cominciare dal ministro dell’Interno Cancellieri, passando per Napolitano e Monti, fino a Piero Grasso e Roberto Saviano, numerosi sono gli apprezzamenti per il risultato raggiunto, per questa “vittoria dello Stato”, come in una fiction.

Saviano, che nel suo “Gomorra” ha descritto minuziosamente i traffici e l’organizzazione della cosca di Casal di Principe, si è lasciato andare a un commento su Twitter.

«Preso Zagaria, come un topo sotto terra. Ottimo lavoro, ragazzi!», ha scritto sulle pagine del popolare social network.

E sì, perché nell’operazione condotta oggi, più di una circostanza sembrerebbe uscita dalla penna di un romanziere. La prima è forse lo scambio di battute tra il boss e il magistrato, al momento dell’arresto: «Ha vinto lo Stato», ha dichiarato sarcastico Zagaria al pm Maresca, che gli ha risposto: «Come mi ha insegnato il mio maestro, Franco Roberti, è finita».

È finita la fuga di un boss talmente intoccabile da trascorrere la sua latitanza a pochi metri da casa sua, nel paese che era diventato il suo feudo.

Così come il personaggio di una fiction sembra l’uomo che ha scovato e condotto gli agenti all’arresto del “Capastorta”, l’ex capo della squadra mobile di Napoli, Vittorio Pisani, il poliziotto, che nella sua carriera ha arrestato centinaia di  mafiosi, ma che è attualmente sotto inchiesta a Napoli per favoreggiamento e rivelazione di segreto.

Questa accusa ha portato il giudice a disporne l’allontanamento dal capoluogo partenopeo: oggi, l’uomo accusato di collusione con la mafia e che è ancora in attesa di giudizio ha guidato la cattura del boss.

Personalità del mondo istituzionale e culturale si complimentano per questo arresto: per primo, il Presidente della Repubblica, Napolitano, che ha espresso vivo apprezzamento per l’importante risultato conseguito nel contrasto alla criminalità organizzata.

«Abbiamo tagliato la testa dei Casalesi», ha detto il Procuratore generale antimafia, Piero Grasso.

Pasquale Amoruso

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here