venerdì, 12 Luglio 2024

USA, un uomo di 63 anni ricoverato d’urgenza: starnuto e tosse provocano l’esplosione dell’intestino

Durante una colazione con la moglie, un violento starnuto seguito da un colpo di tosse ha causato l'esplosione del suo intestino, con conseguenze gravi.

Da non perdere

Un episodio raro e drammatico ha portato al ricovero urgente di un uomo di 63 anni, appena dimesso dall’ospedale dopo un intervento chirurgico. Durante una colazione con la moglie, un violento starnuto seguito da un colpo di tosse ha causato l’esplosione del suo intestino, con conseguenze gravi.

La vicenda, riportata dall’American Journal of Medical Case Reports, ha inizio quindici giorni prima, quando l’uomo era stato operato con successo per una recidiva di un tumore alla prostata. Dopo la visita di controllo post-operatoria, durante la quale erano stati rimossi i punti di sutura e confermata la buona guarigione della ferita, lui e sua moglie avevano deciso di festeggiare con una colazione in una tavola calda.

Mentre erano seduti al tavolo, l’uomo ha starnutito violentemente e subito dopo ha avuto un colpo di tosse. Immediatamente ha avvertito una sensazione di “bagnato” e un forte dolore al basso ventre. Guardando in basso, ha notato con orrore che diversi pezzi di intestino sporgevano dalla ferita appena rimarginata.

In preda al panico, ha coperto l’intestino esposto con la propria camicia, mentre la moglie ha prontamente chiamato l’ambulanza. All’arrivo dei paramedici, la prima diagnosi è stata una “lacerazione con intestino esposto”. Dopo aver rimosso una maglietta imbevuta di liquido, il paramedico ha notato una lacerazione verticale di circa 7,6 cm da cui sporgevano grandi quantità di intestino.

L’uomo è stato trasportato d’urgenza in ospedale per un intervento chirurgico. Questo raro incidente mette in luce le potenziali complicazioni post-operatorie, anche quando tutto sembra andare per il meglio. La sua storia è un promemoria dell’importanza di seguire attentamente le istruzioni mediche e di prendere precauzioni post-chirurgiche, specialmente nelle prime settimane dopo un intervento.

In ospedale, l’uomo ha subito un nuovo intervento durante il quale tre chirurghi urologici hanno accuratamente ridotto l’intestino eviscerato nella cavità addominale e richiuso la ferita. Dopo sei giorni, il 63enne è stato nuovamente dimesso. La diagnosi, insolita, è stata: “eviscerazione”.

Questo episodio evidenzia l’importanza di monitorare attentamente le condizioni post-operatorie e di seguire scrupolosamente le istruzioni mediche per prevenire complicazioni. La prudenza e la prontezza della moglie, che ha immediatamente chiamato l’ambulanza, hanno contribuito a salvare la vita dell’uomo, sottolineando anche l’importanza di saper gestire situazioni di emergenza.

Ultime notizie