giovedì, 9 Febbraio 2023

Si fa ristrutturare l’appartamento ma truffa la ditta: 57enne paga 11mila euro poi ritira bonifico

L'uomo avrebbe effettuato un bonifico da 11mila euro per pagare la ditta di ristrutturazione, ma ottenuta la ricevuta avrebbe annullato l'operazione ma è stato denunciato per truffa aggravata. In un altra occasione il 57enne avrebbe eseguito un bonifico da 6 euro presentando una ricevuta da 600 per riottenere la macchina sequestrata

Da non perdere

Nei giorni scorsi a Faenza, in provincia di Ravenna, un uomo di 57, impiegato bancario, anni è stato denunciato per truffa aggravata. Secondo la ricostruzione dell’accaduto, l’uomo avrebbe contattato diverse ditte per effettuare delle ristrutturazioni nel suo appartamento ma senza pagare il lavoro; In particolare il titolare di una delle aziende vittima della truffa, avrebbe chiesto il pagamento anticipato e il 57enne avrebbe mostrato la ricevuta di un bonifico di 11mila euro.

Dopo aver visto la ricevuta l’operaio avrebbe ripreso i lavori ma dopo alcuni giorni i soldi non sarebbero ancora arrivati, e avrebbe chiesto spiegazioni al banchiere che avrebbe accampato diverse scuse, trascinando la situazione ancora per qualche giorno. Stufo di aspettare, l’artigiano si sarebbe rivolto alla Polizia locale che in seguito ad alcuni accertamenti avrebbe scoperto che il bonifico non era stato eseguito; secondo quanto emerso dai primi accertamenti, sembra che il 57enne avrebbe inizialmente autorizzato il bonifico dalla sua app bancaria ma una volta ottenuta la ricevuta, avrebbe annullato l’operazione per ricevere il lavoro gratuitamente.

Dopo ulteriori accertamenti sull’uomo, è emerso che l’impiegato bancario non sarebbe nuovo a questo tipo di truffe, visto che in una occasione avrebbe eseguito un bonifico da 6 euro e presentato una ricevuta da 600 euro per riscattare la sua auto sequestrata poiché senza assicurazione.

Ultime notizie