giovedì, 9 Febbraio 2023

Corea del Nord, lancio di prova per un satellite spia: scattate immagini di Seul e Incheon

Un altro passo in avanti per Pyongyang dopo aver lanciato un satellite spia nello spazio. Un'agenzia di stampa statale ha pubblicato le foto di Seoul, la capitale della Corea del Sud, scattate dal dispositivo di prova.

Da non perdere

La Corea del Nord ha effettuato, domenica 18 dicembre, il lancio di un satellite di prova nello spazio. Questo test fa parte di un progetto che punta a mandare un satellite spia nello spazio entro aprile 2023. Il leader del paese Kim Jong Un aveva precedentemente sottolineato l’importanza di acquisire satelliti spia, essenziali per difendersi dagli Stati Uniti e dai suoi alleati. Sempre domenica, Corea del Sud, Giappone e Stati Uniti hanno riferito di lanci di missili balistici dall’area di Tongchang-ri, nella Corea del Nord nordoccidentale. La Korean Central News Agency (KCNA) ufficiale di Pyongyang ha pubblicato foto in bianco e nero che mostrano quelle che sembravano immagini di Seul e della vicina Incheon scattate dallo spazio.

Il satellite di prova ha raggiunto un’altitudine di 500 metri dove avrebbe scattato foto di due grandi città della Corea del Sud (fonte: Yonhap agency)

“Un successo importante”

Il lancio di prova è stato condotto con un finto satellite che trasportava diverse telecamere insieme a un dispositivo di controllo, ricevitori e trasmettitori di immagini. La National Aerospace Development Administration (NADA), che ha gestito il lancio, ha definito i risultati “un importante successo che è passato attraverso il processo finale del lancio del satellite da ricognizione”. Un portavoce della NADA ha dichiarato a KCNA: “Abbiamo confermato importanti indicatori tecnici come la tecnologia operativa della telecamera nell’ambiente spaziale, l’elaborazione dei dati e la capacità di trasmissione dei dispositivi di comunicazione, l’accuratezza del monitoraggio e del controllo del sistema di controllo a terra”.

La risposta degli Stati Uniti

Soo Kim, analista di sicurezza presso la RAND Corporation con sede in California, ha dichiarato all’Associated Press che le prime immagini mancavano della qualità necessaria per l’uso militare. “Dalle immagini rilasciate, la risoluzione non sembra essere così impressionante per la ricognizione militare”, ha detto. Poi ha aggiunto: “Noterei, tuttavia, che questo è probabilmente uno sviluppo in corso, quindi potremmo vedere ulteriori miglioramenti a North capacità di ricognizione militare della Corea nel tempo“.

Il continuo sviluppo militare di Pyongyang

Il lancio di domenica è solo l’ultimo di una serie rinnovata di sforzi che la Corea del Nord sta facendo per sviluppare le sue capacità missilistiche nucleari a lungo raggio. Da gennaio 2022, Pyongyang ha condotto un numero record di lanci e “test missilistici”, con alcuni in grado di raggiungere la terraferma degli Stati Uniti oltre alla Corea del Sud e al Giappone. Ad esempio, venerdì 16 dicembre, la Corea del Nord ha effettuato un test missilistico con un motore a combustibile solido ad alta spinta che si ritiene possa permettere al Paese di sparare più missili balistici mobili in minor tempo.

Pyongyang ha anche approvato una legislazione che consente l’uso di un attacco nucleare preventivo in una miriade di scenari. I test continuano a essere motivo di preoccupazione e condanna nella vicina Corea del Sud e in Giappone, nonché negli Stati Uniti, ma la protezione da parte dei membri del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, Russia e Cina, ha impedito qualsiasi sanzione di ritorsione da parte dell’ONU.

Ultime notizie