martedì, 31 Gennaio 2023

Rock Contest 2022, MARTE vince la 34ma edizione del concorso

MARTE è la vincitrice del ROCK CONTEST 2022. La giovane cosmopolita Martina Saladino con il suo elettro-pop ironico e postmoderno si aggiudica la 34a edizione del concorso musicale nazionale che dal 1984 scova e promuove le migliori realtà del panorama emergente italiano.

Da non perdere

MARTE è la vincitrice del ROCK CONTEST 2022. La giovane cosmopolita Martina Saladino con il suo elettro-pop ironico e postmoderno si aggiudica la 34a edizione del concorso musicale nazionale che dal 1984 scova e promuove le migliori realtà del panorama emergente italiano. Al secondo posto si è classificata LAMANTE, proposta musicale in italiano di Giorgia Pietribiasi, 23enne vicentina, selvaggia, tribale, punk e psichedelica al tempo stesso.

È stato il Viper Theatre di Firenze il palcoscenico che sabato 3 dicembre scorso ha ospitato la finale del Rock Contest e che ha visto sfidarsi, oltre al primo e secondo classificati, ANDROGY̆NUS, progetto di Gabriele Bernabò, giovanissimo grossetano in bilico tra psichedelia contemporanea e utopico cantautorato antimoderno, il contemporanissimo esperimento dei leccesi MUNDIAL, alle prese con una rilettura percussiva, elettronica e coinvolgente dei suoni del salento premoderno, i giovanissimi lombardi D.O.A. (Death Of Autotune), ensemble multietnica che mescola rap, pop e alternative rock, e i futuribili viaggi sintetici tra psichedelia ed ambient dei torinesi WICKED EXPECTATION.

Una sfida di altissimo livello ed un incredibile caleidoscopio di stili, generi e personalità diverse. Una serata intensa a concludere la manifestazione 2022 tornata finalmente dal vivo. “Live is better!”, lo slogan che ha accompagnato questa edizione, racchiude anche tanto altro: la prima vera importante esibizione davanti ad un pubblico numerosissimo dopo due anni di stop e uno spirito di grande condivisione. I musicisti, infatti, oltre a solcare lo stesso palco, hanno stretto amicizie e proficue relazioni durante tutte le serate, supportandosi a vicenda. Un viaggio iniziato a fine estate con oltre 600 iscrizioni e proseguito attraverso cinque eliminatorie, due semifinali e la finale, raggiungendo online circa 400.000 visualizzazioni.

A stilare la classifica una giuria di esperti composta da musicisti, discografici, addetti ai lavori, critici musicali e i direttori artistici dei tanti festival che quest’anno hanno collaborato con il Contest. Tra i giurati: Francesco Motta, Aimone Romizi dei Fast Animals and Slow Kids, Max Collini, e gli scout di Audioglobe, Sam recording Studio, Woodworm Label, Black Candy, Locusta Booking, GRS – General Recording Studio, Dischi Sotterranei, Picicca, Ferramenta Dischi, Pulp Dischi, La Tempesta, OTR Live, RC Waves. I direttori artistici di Ypsigrock (Castelbuono – Palermo), Artico Fest (Bra – Cuneo), Pinewood Festival (L’Aquila), Lars Rock Fest (Chiusi Scalo – Siena), WØM Fest (Lucca).

Insieme a loro il pubblico in sala e online con il proprio voto sul sito ufficiale www.rockcontest.it. A condurre la lunga serata Giustina Terenzi e Giovanni Barbasso di Controradio e Silvia Boschero di Radio Rai.

Ospite live con un set infuocato EMMA NOLDE, in tour dopo l’uscita del suo nuovo disco “Dormi” (Woodworm/Capitol Records Italy), scoperta e lanciata proprio dal Rock Contest nel 2019, in cui, oltre al secondo posto, si aggiudicò il Premio Ernesto De Pascale per il miglior brano in italiano.

Il Presidente della Regione Toscana EUGENIO GIANI ha affermato che “Il Rock Contest rappresenta perfettamente la grande voglia di cultura e di musica dei nostri giovani, che in 600 hanno partecipato a questa trentaquattresima edizione, di nuovo in presenza dopo due anni difficili. A tutti loro vanno i miei complimenti. Una manifestazione che la Regione sostiene con forza, anche attraverso Giovanisì, il progetto della Regione Toscana per l’autonomia dei giovani. È un’iniziativa a cui diamo un contributo fortissimo, con due premi speciali finanziati con il Fondo sociale europeo, per informare sugli interventi rivolti ai giovani, ma anche per rispondere a un bisogno di crescita professionale e di opportunità per le band giovanili emergenti nel territorio regionale, che rappresentano una grande patrimonio di cultura musicale e di potenzialità artistiche. Un grazie infine a Controradio per l’organizzazione, la promozione e la valorizzazione dei nostri migliori giovani talenti musicali nell’ambito del rock che vedremo nel futuro”.

Il Rock Contest è tornato in presenza dopo due anni, ed è stato un bel successo con una grande partecipazione da parte di giovani talenti emergenti” è il commento della vicesindaca e assessora alla Cultura ALESSIA BETTINI “Una manifestazione in cui crediamo molto e che come Comune abbiamo sempre voluto sostenere, un palcoscenico per band e musicisti che poi si sono affermati nella scena nazionale. In bocca al lupo ai vincitori per il loro futuro artistico e ancora grazie a Controradio e a tutti coloro che hanno lavorato per questa iniziativa importante e di riferimento per la musica in città”.

Ha affermato MARCO IMPONENTE – direttore generale di Controradio: “È stato bello vedere il Viper  sold out in una finale finalmente in presenza dopo due anni. I gruppi finalisti provenienti da tutta Italia hanno suonato con una preparazione e un’originalità che rappresenta un ottimo auspicio per la loro carriera. La giuria, composta da autori di primo piano della scena italiana ne ha infatti apprezzato molto la qualità compositiva e la resa live. Il Rock Contest, con le sue 34 edizioni, continua ad essere un riferimento importante per la scena indipendente italiana, uno dei pochi che può garantire una visibilità nazionale agli artisti partecipanti, visibilità che spesso si concretizza in reali occasioni di crescita come è stato proprio per Emma Nolde.”

Per GIUSEPPE BARONE – direttore artistico del Rock Contest, la finale di sabato 3 è stata “Una incredibile serata all’insegna della condivisione, di ritmi, musiche ed emozioni, una rara occasione in cui si parla davvero di musica, faccia a faccia, tra persone venute da tutta Italia, si intessono relazioni, scambi professionali, amicizie tra professionisti ed appassionati. Quanto di più lontano dalle logiche isolazioniste dei social. La musica vera è questa, “Live is better!

 

Ultime notizie