venerdì, 9 Dicembre 2022

Non accetta la fine della relazione e minaccia di morte la ex: in manette 48enne “geloso”

A carico un provvedimento dall'allontanamento dall'ex moglie e dai figli nel 2015, è finito poi agli arresti domiciliari. Ieri si è recato per l'ennesima volta sul posto di lavoro dell'ex, umiliandola e minacciandola.

Da non perdere

A Roma i Carabinieri della Tenenza di Ardea hanno arrestato un uomo di 48 anni, gravemente indiziato del reato di atti persecutori. A quanto pare il 48enne, nella tarda mattinata di ieri, 24 novembre, si sarebbe recato per l’ennesima volta sul posto di lavoro dell’ex, umiliandola e minacciandola, tentando invano di entrare all’interno dell’edificio dove la donna stava lavorando. A quel punto l’ex compagna ha avvertito il 112 prima che potesse verificarsi l’irreparabile. Immediato l’intervento sul posto dei militari dell’Arma.

La donna ha riferito di aver chiuso definitivamente la relazione con l’ex partner già a partire dai primi giorni del mese di novembre, a seguito di una violenta lite scoppiata tra i due, probabilmente per motivi di gelosia da parte dell’uomo. Pare che l’uomo non accettasse per nessuna ragione la fine della loro relazione e, per questo, avrebbe continuato a pedinarla e minacciarla. A quel punto, la donna ha cercato invano di modificare le proprie abitudini di vita, ma ciò non è bastato, fino all’arrivo dei Carabinieri. L’uomo, tra l’altro con a carico un provvedimento dall’allontanamento dall’ex moglie e dai figli nel 2015, è finito poi agli arresti domiciliari.

Ultime notizie