giovedì, 8 Dicembre 2022

Taglio dell’iva sugli assorbenti, finalmente un presidente che pensa alle donne

Nessun coro di alleluia per l'annunciato taglio dell'iva sugli assorbenti dal 10 al 5%. Una misura che costa poco allo Stato e fa risparmiare ancora meno. Una scelta "rosa" per un governo "nero", quasi snobbata da milioni di donne "in rosso".

Da non perdere

Tra le tante misure inserite nella bozza della prima Manovra targata Governo Meloni c’è la riduzione dell’iva sugli assorbenti dal 10 al 5%. Nel calderone delle proposte di cui tanto si è parlato, vedi il reddito di cittadinanza e le pensioni, questa è quella di cui, tutto sommato, si è detto o scritto di meno. A metterla in ombra, probabilmente, il mancato taglio all’imposta su pasta e pane, ipotesi circolata nei giorni precedenti al Consiglio dei Ministri, poi rivelatasi infondata, con la delusione che n’è conseguita. Eppure la riduzione della così detta tampon tax è stata per anni terreno di scontro e di dibattito. D’altronde, il ciclo è inevitabile, Madre Natura per certi versi è stata cattiva con le sue figlie, ma dal 1973, anno della sua introduzione, è via via salita fino all’odiato 22%, al pari di qualsiasi altro bene superfluo. In un Paese a guida tradizionalmente cattolica e patriarcale come l’Italia il tema è sempre stato divisivo.

Qualche tentativo di sdogare gli assorbenti dall’alveo del tabù, a dire il vero, c’è stato, pensiamo alla mozione approvata a Firenze lo scorso aprile, mozione che ha azzerato l’iva nelle farmacie comunali, o i distributori posizionati dall’Università di Padova che li danno gratuitamente; stessa cosa dicasi per le mestruazioni, in particolare per le donne che soffrono di endometriosi, patologia spesso invalidante, che affligge 3 milioni di donne in Italia costrette in molti casi a un intervento difficile, e per cui un’azienda di Venezia ha riconosciuto alle proprie dipendenti un giorno di congedo straordinario al mese.

La prima volta che l’iva sugli assorbenti è stata abbassata, dopo decenni di richieste inascoltate, è stata poco più di anno fa, con il Governo Draghi, e pure in quel caso l’esecutivo tecnico non ha ha avuto la forza o il coraggio di osare, tanto è vero che su un bene decisamente di lusso come il tartufo l’iva era già, ed è tutt’oggi, al 5%. Per quanto ne sappiamo nessuno si è fatto venire strane idee in testa su usi alternativi del prelibato fungo ipogeo. Con la riduzione dell’imposta, a conti fatti, il risparmio si traduce davvero in pochi euro e forse per questo non si sono alzati cori di alleluia, ma il punto è un altro. Alla fine, per abbassare l’iva sugli assorbenti c’è voluta la prima donna a capo dell’esecutivo nella storia italiana che, ironia della sorte, si fa chiamare “il signor Presidente del Consiglio.

Ultime notizie