giovedì, 9 Febbraio 2023

Guerra in Ucraina, Putin firma decreto: Russia fuori dal Consiglio d’Europa

Da oggi, però, è ufficiale: la Russia non farà più parte del Consiglio d'Europa. Putin ha firmato un decreto per la rimozione di Ivan Soltanovsky dalla carica di rappresentante permanente di Mosca presso l'organizzazione con sede a Strasburgo.

Da non perdere

Vorrei che tutti capissero: molto probabilmente gli ucraini vivranno con i blackout almeno fino alla fine di marzo“. Lo ha detto il capo del principale fornitore di energia privato YASNO per Kiev in un post sulla sua pagina Facebook. Sergey Kovalenko ha poi aggiunto: “Lo scenario di base è che se non ci sono nuovi attacchi alla rete elettrica, nelle attuali condizioni di generazione di elettricità, il deficit di potenza potrebbe essere distribuito uniformemente in tutto il paese. Ciò significa che le interruzioni saranno ovunque ma meno durature”. Ma queste sono solo previsioni e tutto ovviamente dipenderà dallo sviluppo del conflitto e dagli attacchi da parte della Russia. Al momento metà dell’infrastruttura energetica dell’Ucraina è stata danneggiata da Mosca, ha affermato il presidente Volodymyr Zelensky, lasciando milioni di persone senza elettricità e acqua con l’arrivo dell’inverno e le temperature scendono sotto lo zero.

Le conseguenze della crisi energetica in Ucraina

Data la difficile situazione di sicurezza in città e i problemi infrastrutturali, è possibile evacuare per l’inverno in regioni più sicure del Paese“, ha dichiarato il vice primo ministro Iryna Vereshchuk su Telegram. Mentre Zelensky ha esortato gli ucraini a risparmiare energia, dicendo che “dovrebbero essere consapevoli e ridistribuire il loro consumo durante il giorno“. Intanto, il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha fatto sapere che i blackout e gli attacchi della Russia alle infrastrutture energetiche sono la conseguenza della mancata volontà di Kiev di negoziare. Le temperature in alcune regioni dell’Ucraina sono già scese sotto lo zero, compresa la capitale Kiev. Kovalenko ha affermato che il Paese dovrebbe essere preparato a tutte le opzioni, comprese le lunghe interruzioni di corrente. “Fate scorta di vestiti caldi, coperte, pensa alle opzioni che ti aiuteranno ad aspettare una lunga interruzione“, ha avvertito Kovalenko. “È meglio farlo ora che trovarsi impreparati poi“.

Stati Uniti: “Prove crescenti di crimini di guerra sistemici”

I russi hanno ucciso, torturato e rapito gli ucraini secondo uno schema sistematico che potrebbe implicare alti funzionari in crimini di guerra, ha detto lunedì 21 novembre l’ambasciatore del Dipartimento di Stato americano per la giustizia penale globale. Ci sono prove crescenti che l’invasione russa dell’Ucraina “è stata accompagnata da crimini di guerra sistemici commessi in ogni regione in cui sono state dispiegate le forze russe“, ha affermato l’ambasciatore Beth Van Schaack. Le prove giunte dalle aree liberate indicano attacchi “deliberati, indiscriminati e sproporzionati” contro la popolazione civile, abusi in custodia di civili e prigionieri di guerra, allontanamento forzato o filtraggio di cittadini ucraini – compresi i bambini – verso la Russia e omicidi simili a esecuzioni e violenze sessuali ha detto ai giornalisti. “Quando assistiamo a tali atti sistemici, inclusa la creazione di una vasta rete di filtraggio, è molto difficile immaginare come questi crimini possano essere commessi senza responsabilità fino alla catena di comando“, ha dichiarato Van Schaack. L’ambasciatore rappresenta gli Stati Uniti presso gli organismi globali che indagano sui crimini di guerra e altre atrocità e ha definito la situazione attuale una “nuova Norimberga“, con riferimento ai processi per crimini di guerra tenutisi nella città tedesca alla fine della seconda guerra mondiale.

La Russia ha ufficializzato il ritiro dal Consiglio d’Europa

Il presidente russo Vladimir Putin ha firmato un documento con cui ufficializza il ritiro del suo Paese dal Consiglio d’Europa, una scelta già decisa a marzo 2022. Putin ha infatti pubblicato un decreto per la rimozione di Ivan Soltanovsky dalla carica di rappresentante permanente di Mosca presso l’organizzazione con sede a Strasburgo. A darne notizia è l’agenzia di stampa russa Tass.

Ultime notizie