giovedì, 9 Febbraio 2023

Champions: Milan per l’accesso agli ottavi, Juve per un posto in Europa League

Nella 6a giornata di Champions League, 2 italiane su 4 scopriranno il loro destino: il Milan, che va alla ricerca degli ottavi di finale, e la Juventus che, invece, si gioca un posto in Europa League. Già qualificate al turno successivo Inter e Napoli.

Da non perdere

Si apre il mese novembre e si chiude la fase a gironi della Uefa Champions League: martedì 1° novembre e mercoledì 2 novembre, nella sesta giornata della competizione, 2 italiane su 4 scopriranno il loro destino. Il Milan, alla ricerca degli ottavi di finale, la Juventus, invece, per un posto in Europa League. Già qualificate al turno successivo Inter e Napoli.

Bayern Monaco-Inter, probabili formazioni

Martedì 1° novembre, alle 21:00, ultimo atto della fase a gironi dell’Inter di Simone Inzaghi. La sfida contro i bavaresi è pura formalità, dato che, nel Gruppo C, sono già stati emessi tutti i verdetti. Bayern che vola agli ottavi, essendo primo a 15 punti, seguito dall’Inter a 10; il Barcellona sicuro di un posto in Europa League con 4 punti; a 0 il Viktoria Plzen.

BAYERN MONACO (4-2-3-1) – Ulreich; Mazraoui, Pavard, Upamecano, Stanisic; Sabitzer, Kimmich; Gnabry, Gravenberch, Coman; Tel.
INTER (3-5-2) – Onana; Skriniar, De Vrij, Acerbi; Darmian, Barella, Asllani, Mkhitaryan, Gosens; Lautaro, Correa.

Precedenti

Bayern Monaco e Inter si affrontano per la nona volta nelle coppe europee con un bilancio di 4 vittorie dei bavaresi, un pareggio e 3 successi dei nerazzurri. Nelle sfide nella fase a gironi di Champions League il Bayern è imbattuto. L’Inter non ha mai perso nelle 3 trasferte disputate sul campo del Bayern Monaco. Il Bayern Monaco ha vinto le ultime 5 partite disputate in casa contro squadre italiane segnando almeno 2 gol a partita: l’ultima italiana a uscire con un risultato positivo dall’Allianz Arena è stata proprio l’Inter, che nel marzo 2011 vinse 3-2 nel ritorno degli ottavi di finale di Champions League. Il Bayern ha vinto le ultime 12 partite della fase a gironi di Champions League e, in caso di successo sull’Inter, diventerebbe la prima squadra nella storia della Champions a farlo per due stagioni consecutive e la prima a farlo in 3 edizioni diverse. L’Inter ha vinto 4 delle ultime 5 partite disputate in Germania, tre delle quali nella fase finale di Europa League 2019-20.

Liverpool-Napoli, probabili formazioni

In campo martedì 1° novembre anche il Napoli di Spalletti, che affronta il Liverpool ad Anfield. Per i partenopei, stessa situazione dei nerazzurri, con il Gruppo A che non ha più nulla da raccontare: Napoli e Liverpool già agli ottavi, Ajax in Europa League e Rangers fuori dalle competizioni.

LIVERPOOL (4-3-3) – Alisson; Alexander-Arnold, Matip, van Dijk, Robertson; Elliott, Thiago, Henderson; Salah, Nunez, Firmino.
NAPOLI (4-3-3) – Meret; Di Lorenzo, Ostigard, Kim, Olivera; Ndombele, Lobotka, Zielinski; Politano, Simeone, Kvaratskhelia.

Precedenti

Liverpool e Napoli si affrontano per l’ottava volta nella loro storia nelle coppe europee: il bilancio finora sorride ai partenopei che hanno conquistato 3 vittorie contro le 2 dei Reds. Per il Napoli si tratta della quarta trasferta ad Anfield dove finora non ha mai vinto raccogliendo un pareggio e 2 sconfitte. Il Liverpool ha perso le ultime due partite disputare contro squadre italiane: oltre al 4-1 incassato all’andata al Maradona, c’è anche lo 0-1 casalingo contro l’Inter nel ritorno degli ottavi di finale della passata edizione di Champions League. Il Napoli non ha mai vinto fuori casa nelle coppe europee contro una squadra inglese in 11 tentativi. Nelle ultime due uscite ha ottenuto altrettanti pareggi. Contro il Napoli Jurgen Klopp raggiungerà il traguardo delle 100 panchine in Champions League tra Borussia Dortmund e Liverpool: è il primo allenatore tedesco a riuscirci. Il Napoli ha già segnato 20 gol in questa fase a gironi di Champions. L’unica squadra a fare meglio dopo 6 giornate è stato il Bayern Monaco.

Milan-Salisburgo, probabili formazioni

Match importantissimo, quello di mercoledì 2 novembre, tra Milan e Salisburgo: la squadra di Pioli ha 2 risultati su 3 disponibili per passare alla fase successiva. Nel Gruppo E, è sicuro di un posto agli ottavi il Chelsea, primo con 10 punti, seguito da Milan a 7, Salisburgo a 6 e Dinamo Zagabria a 4.

MILAN (4-2-3-1): Tatarusanu; Kalulu, Gabbia, Tomori, Theo Hernandez; Bennacer, Tonali; Messias, Brahim Diaz, Leao; Giroud.
SALISBURGO (4-3-1-2): Kohn; Dedic, Wober, Pavlovic, Bernardo; Kjaergaard, Gourna-Douath, Seiwald; Sucic; Adamu, Okafor.

Precedenti

Il Milan è imbattuto nelle tre sfide europee contro il Salisburgo, tutte in Champions League. Dopo aver infatti vinto le prime due gare contro il club austriaco, l’ultimo confronto è terminato 1-1 lo scorso 6 settembre. Il Milan ha registrato una sola sconfitta in 12 sfide contro squadre austriache in competizioni europee, rimanendo imbattuto in tutte le ultime otto. In più, i rossoneri non hanno mai perso in gare casalinghe contro formazioni austriache, segnando 19 gol in cinque match. Il Milan ha vinto due delle ultime quattro partite di Champions League e potrebbe ottenere due successi di fila nel torneo per la prima volta dall’ottobre 2011. I rossoneri hanno però subito gol in tutte le ultime sei gare casalinghe in Champions League; non registrano una serie più lunga in gare interne nel torneo dal novembre 2002. Il club austriaco ha schierato le formazioni titolari con l’età media più bassa di questa Champions League. Il Milan ha segnato otto gol in questa Champions League: l’ultima volta che ne ha realizzati di più in una singola fase a gironi nel torneo risale al 2011/12, mentre l’ultima stagione in cui ha ottenuto almeno tre vittorie nella competizione risale al 2007-08.

Juventus-Paris Saint Germain, probabili formazioni

Sfida di cartello all’Allianz Stadium tra Juventus e PSG: i bianconeri, però, si giocano solo l’accesso all’Europa League, dopo la sconfitta nell’ultima gara contro il Benfica. Nel Gruppo H, infatti, Psg e Benfica sono agli ottavi a quota 11, seguiti da Juventus e Maccabi Haifa a quota 3.

JUVENTUS (3-5-2): Szczesny; Gatti, Bonucci, Alex Sandro; Cuadrado, Miretti, Locatelli, Rabiot, Kostic; Kean, Milik.
PSG (3-4-3): Donnarumma; Sergio Ramos, Marquinhos, Kimpembe; Hakimi, Vitinha, Verratti, Nuno Mendes; Sarabia, Messi, Mbappé.

Precedenti

La prima sconfitta della Juventus contro il PSG nelle competizioni europee è arrivata nel primo turno di questa Champions League, dopo che i bianconeri avevano vinto sei di tutti gli otto match precedenti contro i parigini. Il PSG non ha vinto alcuna delle quattro trasferte giocate in competizioni europee contro la Juventus: l’ultima risale al ritorno della finale di Supercoppa Europea nel febbraio 1997, quando i parigini persero 3-1 sotto la gestione di Ricardo Gomes. Il Paris Saint-Germain ha vinto l’ultima partita della fase a gironi in ciascuna delle ultime quattro edizioni di Champions League, segnando almeno quattro gol in ognuna di queste sfide. La Juventus potrebbe diventare la seconda squadra italiana a perdere cinque partite in una singola fase a gironi di Champions League, dopo la Roma nel 2004-05.

Ultime notizie