lunedì, 28 Novembre 2022

Guerra in Ucraina, pioggia di razzi su Zaporizhzhia: morti 2 funzionari a Huliaipole. Putin promuove Kadyrov generale colonnello

Putin ha firmato un decreto di rinvio del servizio di leva per alcune categorie di studenti. Il presidente della Commissione Difesa Duma: "Smettiamola di mentire, i villaggi di Belgorod sono distrutti". Secondo l'agenzia di stampa Tass è aumentata del 120% la vendita di antidepressivi nella Federazione a causa della mobilitazione parziale.

Da non perdere

Continuano a piovere missili e bombe a Energodar, città sede della centrale nucleare di Zaporizhzhia, già colpita nelle scorse 24 ore con ben 43 proiettili. La notizia è stata diffusa in conferenza stampa dal portavoce del ministero della Difesa russo, Igor Konashenkov. “La situazione delle radiazioni rimane normale“, ha assicurato. Konashenkov ha spiegato che i russi hanno abbattuto un caccia MiG-29 ucraino che sorvolava Mykolaiv, deviando 15 razzi sferrati da sistemi Himars sulla regione di Kherson. Inoltre il portavoce ha fatto sapere che un Iskander-K moscovita ha polverizzato un hangar a Voznesensk, contenente alcuni droni turchi Bayraktar TB2. “Il nemico ha attaccato con i razzi Iskander-K distruggendo alcune infrastrutture. Uno dei missili, del tipo a grappolo, è stato neutralizzato sulla città e i detriti sono caduti in varie zone”. Così si è espresso il capo dell’amministrazione regionale di Zaporizhzhia, Oleksandr Starukh, via Telegram. Il segretario del consiglio comunale Anatoliy Kurtev ha affermato che vi sarebbero vittime a seguito dell’attacco, senza, però, dare alcuna stima. Un raid missilistico russo sempre nella regione, sulla città di Huliaipole, ha provocato la morte di due funzionari locali; la notizia è stata riportata da Starukh, citato dal Kiev Independent.

Mosca: “Smettiamola di mentire sulla situazione al fronte”

“Ora il nemico è sulla nostra terra. Tutti i villaggi di confine della regione di Belgorod sono praticamente distrutti. Lo apprendiamo da chiunque, dai governatori e dai corrispondenti militari. Ma i rapporti del ministero della Difesa non cambiano. La gente lo sa. La nostra gente non è stupida e vede che non vogliono dirle nemmeno una parte della verità: ciò può portare a una perdita di credibilità“. Lo ha detto il presidente della Commissione Difesa della Duma, Andrey Kartapolov, ai microfoni del programma Solovyov Live e riportato dal Moscow Times.

Kadyrov: “Putin mi ha promosso generale colonnello”

Il leader ceceno Ramzan Kadyrov, braccio destro di Vladimir Putin, ha ufficializzato nel giorno del suo compleanno di essere stato promosso generale colonnello dal Capo di Stato russo. “Voglio condividere con voi un’altra buona notizia. Il presidente della Federazione mi ha conferito il grado di colonnello generale. Il decreto è stato emesso con il numero 709. Vladimir Vladimirovich me ne ha informato personalmente e si è congratulato con me “, ha chiosato Kadyrov via Telegram. Il comandante della Cecenia è attualmente accusato di gravissime violazioni dei diritti umani, con tanto di sanzioni da parte dell’Unione europea e dagli Stati Uniti.

Putin: “Stabilizzeremo situazione nel Donbass”

Vladimir Putin ha affermato di aver controfirmato un decreto che apporta alcune “correzioni” alla mobilitazione parziale annunciata lo scorso 21 settembre e fortemente criticata dalle potenze internazionali. Il leader del Cremlino ha detto in un incontro con gli insegnanti che è previsto il rinvio del servizio di leva per altre categorie di studenti, tra cui gli iscritti a università private accreditate e alcuni ragazzi che si trovano nel periodo post-laurea. “I risultati dei referendum non verranno messi in discussione, le consultazioni sono state perfettamente trasparenti, convincenti e oggettive”, ha chiosato il presidente russo, citato dall’agenzia di stampa Tass. “La situazione in Donbass sarà stabilizzata. La Federazione potrà far sviluppare questi territori tranquillamente”.

Peskov: “Russia deve partecipare alle indagini sul Nord Stream”

Lo sversamento di gas nel Mar Baltico proveniente dal Nord Stream 1 e 2 avvenuto lo scorso 27 settembre continua a tenere alta la tensione, spingendo gli Stati a indagare su quanto avvenuto. “La Federazione dovrebbe partecipare alle indagini sul sabotaggio al gasdotto e poter avere accesso all’area delle esplosioni”, ha detto il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov. “Finora, da quelle conferenze stampa che si sono tenute in Danimarca e Svezia, abbiamo sentito dichiarazioni allarmanti – ha spiegato – secondo cui è esclusa qualsiasi cooperazione con la parte russa, ma la nostra partecipazione all’esame delle zone dove sono avvenuti i danni e alle indagini sull’accaduto dovrebbe essere obbligatoria“.

In Russia aumentata vendita di antidepressivi

L’agenzia di stampa russa Tass ha reso noto che negli ultimi tempi è aumentata del 120% la vendita di antidepressivi nella Federazione, a seguito dell’annuncio della mobilitazione parziale ordinata da Putin. Nella ricerca sono stati citati i dati della società di ricerche nel mercato farmaceutico della multinazionale olandese Dsm. Viktoria Presnyakova, capo dell’Alleanza delle associazioni farmaceutiche, ha dichiarato che la richiesta di antidepressivi, sonniferi e tranquillanti è in realtà cresciuta esponenzialmente da febbraio, ovvero dallo scoppio della guerra in Ucraina.

Ultime notizie