domenica, 27 Novembre 2022

Serie A, 8a giornata: Napoli e Atalanta in vetta. L’Inter sempre più in crisi

L'ottava giornata di Serie A vede il Napoli che continua a vincere, battendo per 3-1 il Torino. Perde ancora l'Inter, sconfitto in casa 1-2 dalla Roma. Il Milan vince 1-3 a Empoli in una partita dal finale mozzafiato. Torna alla vittoria la Juventus e lo fa in casa, contro il Bologna, per 3-0.

Da non perdere

Al termine dell’ottava giornata di Serie A, la classifica vede al comando Napoli e Atalanta a quota 20 punti. Al terzo posto, una sorprendente Udinese con 19 punti, seguita da Lazio e Milan a 17. Torna a vincere la Juve che scavalca di un punto l’Inter, ancora sconfitta in campionato, questa volta in casa contro la Roma. Chiudono nelle ultime tre posizioni Verona, Cremonese e Sampdoria.

Napoli-Torino 3-1

Nell’anticipo delle 15.00, il Napoli batte Torino per 3-1 grazie alla dopietta di Anguissa e la rete di Kvaratskhelia; per i granata, in gol Sanabria. Partita che si sblocca al 6′, con Mario Rui che dalla sinistra pesca Anguissa a centro area: il centrocampista del Napoli gira di testa e insacca la rete del vantaggio. Lo stesso Anguissa raddoppia al 12′ con un’azione in solitaria, simile a quella di Kvaratskhelia al 31′, per il momentaneo 3-0. Accorcia le distanze ma non basta, il gol di Sanabria al 43′, con un destro che batte Meret. Napoli al primo posto, ancora imbattuto.

Inter-Roma 1-2

Nella gara delle 18.00 di sabato 1 ottobre, l’Inter perde ancora, questa volta in casa per 1-2 contro la Roma. I nerazzurri passano in vantaggio al 30′ con la rete di Dimarco, imbucato in area da Barella; colpevole anche Rui Patricio sul tiro non irresistibile dell’esterno azzurro. Colpevole anche l’altro portiere, Samir Handanovic, nell’occasione della rete del pari: al 39′ Spinazzola crossa in area e Dybala calcia al volo con il portiere nerazzurro che non riesce a respingere bene e si ritrova la palla in porta. Il gol decisivo lo sigla Smalling al 75′, con un colpo di testa su calcio piazzato battuto da Pellegrini.

Empoli-Milan 1-3

Partita dal finale incandescente quella del Castellani, che vede trionfare per 1-3 la squadra di Stefano Pioli. Succede tutto negli ultimi 10 minuti più recupero: al 79′ Tonali batte in fretta la rimessa laterale e pesca Leao in area, il portoghese dribbla De Winter e mette al centro per Rebic che, a porta vuota, non può sbagliare e fa 0-1. L’Empoli pareggia al 92′ con la punizione di Bajrami, complice un errore di valutazione di Tatarusanu. Un minuto dopo, però, dopo aver battuto il calcio d’inizio, Leao sventaglia in avanti e trova la testa di Krunic che fa da sponda per Ballo Touré: il terzino rossonero non sbaglia e fa 1-2. La rete del definitivo 1-3 la segna proprio Leao, in contropiede a campo aperto, superando Vicario con un pallonetto. Il Milan torna a vincere e sale a quota 17.

Lazio-Spezia 4-0

Nel lunch match domenicale, la Lazio strapazza lo Spezia per 4-0. Al 3′ Immobile sbaglia un calcio di rigore, ma ci pensa Zaccagni a siglare la rete del vantaggio al 12′, dopo uno scambio con Felipe Anderson. Raddoppia al 24′ Romagnoli, con una girata al vola di sinistro che si insacca nell’angolino basso; terzo e quarto che portano la firma di Sergej Milinkovic-Savic, entrambi al culmine di due grandi azioni corali della squadra di Maurizio Sarri. La Lazio sale a 17 punti, a pari con il Milan.

Sassuolo-Salernitana 5-0

Il Sassuolo torna a vincere e lo fa alla grande con 5 gol alla Salernitana. Neroverdi che passano in vantaggio al 12’: ripartenza avviata da Frattesi che pesca Thorstvedt, il centrocampista premia l’incursione di Laurienté, bravissimo a trovare il palo più lontano. Raddoppio che arriva al 39′ su calcio di rigore siglato da Pinamonti: Ceide va via in dribbling fino alla linea di fondo, dove interviene Maggiore, colpendo prima il pallone con il piede e poi con l’anca il norvegese. Ferrieri Caputi assegna il penalty e il nuovo numero 9 dei neroverdi non sbaglia. Nella ripresa, il Sassuolo segna il terzo gol, con una ripartenza ideata da Lopez, con assist perfetto di Alvarez per Thorstvedt. Arrivano anche il 4 e il 5-0: prima, al 76’, con un’azione chiusa da Harroui su assist di Laurienté. E poi a un minuto dalla fine, in pieno recupero, quando Sepe respinge un tiro di Alvarez solo davanti a lui e sulla ribattuta si avventa Antiste, che firma il 5-0.

Lecce-Cremonese 1-1

Termina in pareggio la sfida tra due delle tre neopromosse del nostro campionato: a Strefezza risponde Ciofani. Entrambe le reti arrivano su calcio di rigore; il primo è in favore degli ospiti al minuto 19′, quando una palla di Ascacibar innesta Okereke che si infila nel corridoio giusto e costringe Falcone al fallo in area. Sul dischetto va Ciofani che non sbaglia. Il Lecce pareggia sempre dal dischetto al 42′: il brasiliano scambia con Gendrey che viene steso da Okereke. Dagli undici metri si presenta proprio lui, Strefezza, che non sbaglia e regala il pareggio alla sua squadra.

Sampdoria-Monza 0-3

Il Monza vince la sua seconda partita consecutiva, in casa della Sampdoria per 0-3. Passa in vantaggio all’11’, approfittando di un errore in fase di impostazione dei blucerchiati, con Caprari che salta Rincon e apre per Sensi che lancia sul lato opposto Ciurria. Assist di testa per Pessina, il cui gol cambia radicalmente la partita. Il Monza non va mai in affanno, controlla la partita e prova più volte a chiuderla. Lo fa al 67′ con il capolavoro di Caprari. Lì la Samp si arrende, mentre il Monza non rinuncia a giocare e, al 95′, l’altro ex illustre, Sensi, con un piatto destro trova il varco fra Audero e il palo. Finisce 0-3, per la Samp è un momento durissimo, di riflessioni e decisioni.

Atalanta-Fiorentina 1-0

L’Atalanta di Gasperini sembra non volersi fermare: vince ancora, contro la Fiorentina, e resta in vetta alla classifica assieme al Napoli. Il gol decisivo la sigla il neo acquisto Ademola Lookman al 59′: Muriel riceve il fallo laterale di Koopmeiners, salta un paio di uomini danzando sulla linea di fondo e scarica in mezzo per l’ex Leicester che deve solo spingere in porta il gol del vantaggio.

Juventus-Bologna 3-0

La Juventus torna a vincere e lo fa nel suo stadio, battendo per 3-0 il Bologna. Bianconeri che sbloccano la gara al 24′ con la rete di Filip Kostić, che raccoglie il passaggio di Vlahovic e mette dentro con il mancino. Raddoppio che arriva al 59′ con la zuccata vincente di Dušan Vlahović sul bel cross di McKennie, prima del gol del definitivo 3-0, siglato da Milik al 62′: il polacco segna al volo con il sinistro dopo l’assist estemporaneo di Cuadrado. Partita dominata dalla Juventus, che torna a convincere dopo alcune partite deludenti e si rilancia in Serie A: sono 13 i punti adesso in una classifica che vede i bianconeri alla settima piazza.

Verona-Udinese 1-2

Continua la favola dell’Udinese che espugna anche il Bentegodi di Verona, battendo i padroni di casa per 1-2. In vantaggio passa la squadra di casa con la rete di Doig: gol capolavoro dell’esterno scozzese dell’Hellas che, su un cross respinto a campanile dalla difesa friulana, di collo esterno sinistro trova una traiettoria imparabile per Silvestri. Il pareggio dell’Udinese arriva al 70′ con la rete di Beto: Samardzic inventa un pallone delizioso in area di rigore per Deulofeu, pronto ad ammorbidire per l’inserimento di Beto. Destro rasoterra sul primo palo del brasiliano che fulmina Montipò e regala il pareggio ai friulani. Gol del vantaggio che arriva al 93′ grazie a Bijol: punizione telecomandata di Samardzic verso il secondo palo e colpo di testa perfetto del difensore centrale sloveno ad insaccare il vantaggio.

Ultime notizie