lunedì, 28 Novembre 2022

Il cd compie 40 anni, ed è vivo e vegeto.

Il primo Ottobre è la giornata internazionale della musica in cui ricorrono anche i 40 anni del debutto sul mercato del compact disc

Da non perdere

Il primo Ottobre è stata la giornata internazionale della musica, istituita nel 1975 dall’Unesco e celebrata in tutto il Mondo. In questo stesso giorno però coincide un’altra importante ricorrenza, il debutto sul mercato del compact disc che quest’anno compie 40 anni.

Il cd fa la sua prima apparizione l’8 Marzo del 1979, grazie a Sony e Philips per un pubblico di soli addetti ai lavori, in occasione di un test pressing con incisa la Sinfonia delle Alpi di Richard Strauss suonata dalla Berlin Philarmonic Orchestra. Il primo album pop masterizzato su cd è The Visitors degli Abba il 17 Agosto del 1982, ma il primo vero e proprio cd ad essere commercializzato è stato 52nd Street di Billy Joel, appunto il 1 Ottobre di quello stesso anno.

La progettazione del cd è merito di Philips che inizialmente collaborava con l’azienda chimica DuPont già nel 1974. Quando però DuPont si tirò indietro a causa degli elevati costi di investimento, Philips si rivolse a Sony che stava già lavorando ad un suo progetto di disco ottico di 100 mm di diametro. L’incontro delle due aziende diede origine al formato definitivo del Compact Disc (120 mm) con una capacità massima (in minuti) di 74 minuti e 33 secondi, la durata della Nona sinfonia di Beethoven nella versione di Wilhelm Furtwängler registrata nel 1951.

Nel 1983 si contavano già oltre 400mila pezzi venduti e nonostante l’avvento di altre e nuove tecnologie il mercato del cd ancora resiste. In particolare nel 2021 si registra addirittura un incremento di vendita del 1,1% che si traduce in 40,59 milioni di album acquistati in tutto il mondo. Resta indietro l’Italia che vede quest’anno un decremento delle vendite ( -7,1%) rispetto all’anno precedente, mentre i vinili sono a quota 14.769 (+17,5%).

Ultime notizie