venerdì, 30 Settembre 2022

Firenze, azzanna e uccide un barboncino nel parco delle Cascine: proprietario del pitbull rischia la denuncia

Gravissime fin da subito le condizioni del barboncino, che è morto dopo essere stato trasportato in una vicina clinica veterinaria. Il pitbull è stato preso dai poliziotti e affidato al Centro Unità Funzionale di Igiene Urbana e Veterinaria dell’Azienda USL Toscana.

Da non perdere

Nel pomeriggio di ieri, 20 settembre, un pitbull ha azzannato un barboncino di un’anziana signora 80enne nel parco delle Cascine, la più grande area verde pubblica di Firenze. La scena è stata notata da una pattuglia delle Unità Operative di Primo Intervento della Polizia che è intervenuta per salvare il cagnolino e sfilarlo dalle fauci del suo avversario, allontanando quest’ultimo. La vicenda si è consumata sotto gli occhi della padrona del barboncino e di altre persone, tra cui alcuni bambini.

Gravissime le condizioni dell’animale da compagnia, che è stato preso in braccio dagli agenti, avvolto in un giubbino della Polizia per tamponare le ferite, e trasportato d’urgenza in una vicina clinica veterinaria. Inutili tutti i tentativi di soccorso, il cane non ce l’ha fatta. L’80enne, visibilmente sconvolta, è stata confortata per alcune ore dalle Forze dell’Ordine.

Intanto altri agenti sono rimasti nel parco fiorentino per rintracciare il pitbull. Di lì a poco l’animale è stato ritrovato al guinzaglio del suo padrone, un 30enne di origine magrebina senza una dimora fissa. L’uomo avrebbe raccontato ai poliziotti che il cane gli era scappato e non riusciva a trovarlo. Il pitbull è stato preso e affidato al Centro Unità Funzionale di Igiene Urbana e Veterinaria dell’Azienda USL Toscana, mentre il proprietario rischia di essere denunciato.

Ultime notizie