martedì, 27 Settembre 2022

Santa Maria Capua Vetere, rissa tra detenuti: gamba fratturata per un poliziotto. Cgil denuncia: “Serve un cambio di rotta”

Ennesima rissa tra i detenuti del carcere di Santa Maria Capua Vetere. Alcuni agenti sono dovuti ricorrere alle cure in ospedale. A darne notizia sono stati i sindacalisti della Cgil preoccupati della situazione ormai fuori controllo.

Da non perdere

“Esprimiamo la nostra profonda vicinanza e solidarietà agli agenti del penitenziario di Santa Maria Capua Vetere condannando fermamente una situazione ormai fuori controllo“. Questo è quanto dichiarata da Orlando Scossa e Carmela Ciamillo, sindacalisti della Fp-Cgil, dopo l’ennesima rissa avvenuta tra i detenuti del Carcere in provincia di Caserta.

A quanto riferito dai sindacalisti, i detenuti stavano consumando la propria ora di libertà presso il reparto detentivo “Danubio” quando è scoppiata una rissa. Ad avere la peggio, sono stati alcuni agenti intervenuti per riportare la calma, dovuti ricorrere alle cure in ospedale per i danni subiti. Un poliziotto ha rimediato una frattura alla gamba. “Urgono interventi concreti per un cambio di rotta. Da tempo, ormai troppo, stiamo chiedendo interventi mirati per risolvere le sorti della struttura sammaritana, che necessita, ora più che mai, di un governo stabile ed autorevole, nell’interesse di tutta la collettività“, ha così dichiarato Mirko Manna della Fp-Cgil nazionale.

Ultime notizie