giovedì, 29 Settembre 2022

Perugia, palpeggia donna incinta e si masturba davanti a un’altra: arrestato 43enne

Sembrerebbe che l'uomo abbia palpeggiato una donna incinta al Parco fluviale del Tevere, mentre era in compagnia di sua figlia. Il 43enne è stato arrestato e, una volta in Questura, è emerso che un'altra donna lo aveva visto toccarsi le parti intime.

Da non perdere

Nel pomeriggio di ieri, 12 settembre, gli agenti di Perugia hanno fermato e arrestato un uomo in un appartamento del capoluogo umbro, per i reati di violenza sessuale, rifiuto di fornire le proprie generalità e atti osceni in luogo pubblico. Stando alle prime ricostruzioni, pare che l’uomo abbia palpeggiato a Ponte Felcino una donna incinta, che si trovava al parco fluviale del Tevere in compagnia di sua figlia. La vittima ha raccontato ai poliziotti, giunti sul posto a seguito di una segnalazione al Numero Unico di Emergenza Europeo, di essere stata toccata dall’uomo mentre stava prendendo la borsa dal sedile della sua auto; lo stesso avrebbe poi sfiorato anche la figlia. La donna ha spiegato di essersi immediatamente voltata e di aver notato il 43enne allontanarsi con aria circospetta e a passo svelto. Inutile il tentativo di inseguimento da parte del marito, che ha visto l’uomo rifugiarsi in un condominio.

La denuncia e l’episodio di atti osceni in luogo pubblico

Dopo aver raccolto le testimonianze e ricostruito i fatti, gli agenti si sono recati nello stabile e hanno iniziato a suonare il campanello dell’abitazione in cui si nascondeva il 43enne, senza ricevere risposta. Tuttavia, i poliziotti sono riusciti a entrare nell’appartamento e hanno trovato l’uomo in uno stato di evidente agitazione e nervosismo. In un primo momento, l’accusato si è rifiutato di fornire i propri documenti d’identità e ha cominciato a dimenarsi facendo cadere uno degli agenti, per poi tentare la fuga.

Nonostante tutto, la Polizia è riuscita a contenerlo e lo ha accompagnato in Questura, dove è emerso, a seguito della denuncia, che anche un’altra donna ieri pomeriggio, 12 settembre, aveva subito molestie dal 43enne. Le Forze dell’Ordine hanno chiamato la seconda vittima che ha raccontato di aver visto l’uomo toccarsi le parti intime nel parco, fornendo una precisa descrizione corrispondente ai tratti fisici del 43enne. Quest’ultimo è stato arrestato per il reato di resistenza e lesioni a Pubblico Ufficiale e, su disposizione del Pm, è stato riportato nella sua abitazione dove resterà ai domiciliari, in attesa dell’udienza di convalida.

Ultime notizie