giovedì, 29 Settembre 2022

Guerra in Ucraina, pioggia di bombe su Kharkiv: 5 morti e 9 feriti. Kiev: “Russi usano civili come scudi umani a Kherson”

"Secondo le informazioni disponibili, gli occupanti usano la popolazione locale come scudo umano". Cosi lo Stato maggiore delle forze armate di Kiev. Sul fronte diplomatico, gli Usa sanzionano la Safiran Airport Service, società iraniana, per aver aiutato a fornire droni alla Russia. Ministro francese dell'Economia: "Le sanzioni Ue funzionano, non ascoltate bugie".

Da non perdere

Il 198esimo giorno del conflitto si apre con una dichiarazione dello Stato maggiore delle forze armate di Kiev: “In relazione all’offensiva delle nostre truppe, in alcune aree della regione di Kherson, le unità delle forze armate della Federazione Russa stanno passando alle tattiche di azioni terroristiche contro i civili locali”, questo si legge nel messaggio diffuso su Facebook. Secondo le informazioni disponibili, prosegue il post, nel villaggio di Bolshaya Aleksandrovka, “gli occupanti usano la popolazione locale come ‘scudo umano’. L’insediamento è chiuso all’ingresso e all’uscita”.

Bombe su Kharkiv: 5 morti e 9 feriti

Durante la notte del 9 settembre, gli occupanti russi hanno bombardato Kharkiv e la regione. Il capo del distretto militare regionale, Oleg Sinegubov, ha reso noto che negli attacchi sono stati coinvolti dei civili, precisamente hanno perso la vita 5 persone e 9 sono rimasti feriti.

Gli Usa sanzionano Iran per aver fornito droni a Mosca

Gli Usa hanno imposto delle sanzioni alla Safiran Airport Service, una società iraniana che ha messo a disposizione i propri servizi per aiutare a inviare droni alla Russia da utilizzare in Ucraina. Inoltre, gli States hanno ammonito anche aziende non iraniane a non farsi coinvolgere in questo tipo di commercio.

Bruno Le Maire: “Le sanzioni dell’Ue funzionano”

Il ministro francese dell’Economia, Bruno Le Maire, dopo il suo arrivo all’Eurogruppo a Praga, ha raggiunto un punto stampa in cui era presente anche il suo omologo tedesco, Christian Lindner: “Siamo fermi nell’attuazione di forti sanzioni contro la Russia – ha dichiarato -. E voglio dirlo chiaramente: le sanzioni europee contro la Russia funzionano. La Russia sta affrontando una grave recessione di oltre 4%, un alto livello dell’inflazione di oltre il 14% e gravi difficoltà nella catena di approvvigionamento”. Poco dopo ha aggiunto parole più aspre: “Non ascoltate le bugie di coloro che non ci aspettiamo difendano i valori europei. Non ascoltate le bugie di coloro che spiegano che le sanzioni non funzionano. In realtà sono efficienti e dovremmo essere orgogliosi del modo in cui le nazioni europee hanno mostrano unità contro l’aggressione di Putin“.

Ultime notizie