domenica, 25 Settembre 2022

Guerra in Ucraina, bombe nella sede filorussa di Melitopol. ONU: “Deportati in Russia 2 milioni e mezzo di civili”

Un'esplosione si è verificata presso la sede del movimento "Siamo con la Russia" nella città ucraina di Melitopol, attualmente occupata da Mosca, e dove è in fase di preparazione il referendum per l'annessione alla Federazione. Il viceambasciatore ucraino presso le Nazioni Unite, Khrystyna Hayovyshyn, ha quantificato in 2,5 milioni di persone i deportati ucraini, inclusi 38mila bambini.

Da non perdere

Il viceambasciatore ucraino presso le Nazioni Unite, Khrystyna Hayovyshyn, ha riferito al Consiglio di Sicurezza dell’ONU che migliaia di cittadini ucraini vengono deportati con la forza in alcune regioni isolate e depresse della Siberia e dell’estremo oriente russo. Il viceambasciatore ha quantificato in 2,5 milioni di persone i deportati ucraini, inclusi 38mila bambini. Rafael Grossi, il Direttore Generale dell’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica, intanto, ha avviato le consultazioni sull’istituzione di una zona di protezione e sicurezza nucleare presso la centrale di Zaporizhzhia, a causa dei costanti bombardamenti che mettono a rischio l’impianto. “Ieri, il Direttore Generale Rafael Grossi ha raccomandato l’istituzione urgente di una zona di protezione e sicurezza nucleare presso la centrale, e sta svolgendo consultazioni volte all’attuazione di questo piano”, afferma l’agenzia su Twitter.

Melitopol, bombe nella sede del movimento filorusso

Un’esplosione, intanto, si è verificata presso la sede del movimento “Siamo con la Russia” nella città ucraina di Melitopol, attualmente occupata da Mosca, e dove è in fase di preparazione il referendum per l’annessione alla Federazione. Secondo le informazioni dei media locali, nessuno è rimasto ferito. “Sono tutti vivi, non ci sono vittime. Ma l’edificio ha subito ingenti danni materiali”, ha affermato Vladimir Rogov, presidente del movimento. Rogov ha spiegato che le esplosioni sono state due, una di seguito all’altra: la prima doveva fungere da esca affinché la seconda mietesse più vittime.

Zaporizhzhia, spenta la quinta unità di alimentazione della centrale nucleare

A Zaporizhzhia, a causa del cedimento delle linee elettriche, è stata presa la decisione di spegnere la quinta unità di alimentazione della centrale nucleare. Ad annunciarlo è Aleksander Volga, capo dell’amministrazione filorussa di Energodar, la città in cui si trova l’impianto. “La sesta ed ultima unità funziona solo parzialmente, ma la situazione è sotto controllo”, afferma. “Oggi un’apposita commissione deciderà la modalità di funzionamento della centrale. Tuttavia, non è stato ancora possibile ripristinare le linee elettriche danneggiate a Novaya Kakhova e negli altri centri urbani”.

Ultime notizie