martedì, 27 Settembre 2022

F1 GP d’Italia, Mattarella presente al centenario di Monza. Sticchi Damiani: “Rispettiamo i vincoli ambientali”

Il Presidente della Repubblica ascolterà inoltre l'Inno di Mameli, cantato da Andrea Bocelli, dal rettilineo di partenza. Attilio Fontana: "con Regione Lombardia, l'autodromo di Monza sarà sempre sede d'Italia, ha fatto e continuerà a fare la storia".

Da non perdere

Siamo ufficialmente nel weekend più atteso per italiani e amanti del motorsport, perché domenica si correrà a Monza, il tempio della velocità. Non una data come le altre, perché lo storico autodromo lombardo compie 100 anni.
Un traguardo senza dubbio importantissimo, che lo rende il tracciato più antico al mondo, dopo Indianapolis. Per una ricorrenza del genere non poteva certamente mancare Sergio Mattarella, Presidente della Repubblica italiana.
A confermare la Sua presenza è stato Saverio Sticchi Damiani, Presidente dell’ACI nonché dell’U.S. Lecce. “Sono grato per la presenza di Mattarella, che ha deciso di essere qui domenica. La presenza del Presidente della Repubblica dà lustro a questo appuntamento”.
Mattarella avrà inoltre l’onore di poter ascoltare l’Inno di Mameli direttamente dal rettilineo di partenza, cantato da Andrea Bocelli.

Il Presidente ACI ha inoltre colto l’occasione di parlare dei grattacapi ambientali subentrati nelle ultime settimane. Durante la presentazione del GP d’Italia, infatti, Sticchi Damiani ha comunicato di essere “molto rispettosi dei vincoli ambientali”, riguardo la realizzazione della fan zone nelle vicinanze del circuito.
“Siamo convinti che solo da una forte collaborazione di tutti gli enti che hanno responsabilità di questo Parco possa esserci nascere il futuro. Vorremo che ci fosse uno sforzo corale e speriamo che tutti ci aiutino nel programmare il futuro: il Gp muove cifre importantissime, una parte di questa resta sul territorio. Penso che Acm e Aci abbiamo fatto un grandissimo lavoro per questo territorio e questo Parco”.

Il weekend di Monza è da sempre un ottimo veicolo dell’immagine dell’Italia nel mondo. Monza è ormai una città sacra per i fan dei motori, come per La Mecca per i Musulmani.
È quindi motivo di vanto anche per Attilio Fontana, Governatore della Regione Lombardia: “come chi mi ha preceduto, da Maroni a Formigoni, Regione Lombardia ha sempre dimostrato grandissima disponibilità e volontà per far sì che il Gp restasse sempre a Monza. Con Regione Lombardia, l’autodromo di Monza sarà sempre sede d’Italia, ha fatto e continuerà a fare la storia. Stiamo già pensando anche alle Olimpiadi del 2026, per continuare a porre il nostro territorio al centro del mondo. Con Ersaf, ci impegniamo ora a piantumare 100 alberi all’interno del Parco. In più, grazie all’assessore Fabrizio Sala siamo riusciti a vedere premiato come progetto bandiera quello della Smart mobility: un risultato eccellente”.

Ultime notizie