venerdì, 30 Settembre 2022

Argentina, la vicepresidente Cristina de Kirchner scampa a un attentato: “La pistola per qualche motivo non ha sparato”

La polizia argentina ha arrestato un uomo accusato di aver puntato una pistola contro la vicepresidente ed ex presidente Cristina Fernández de Kirchner giovedì sera a bruciapelo fuori dalla sua casa a Buenos Aires.

Da non perdere

Un uomo è stato arrestato dopo aver puntato una pistola a bruciapelo contro la vicepresidente argentina, Cristina Fernández de Kirchner.La vicepresidente è sopravvissuta solo perché la pistola per qualche motivo, che era carica di cinque proiettili, non ha sparato“, ha detto il presidente Alberto Fernández. L’incidente, è avvenuto giovedì 1° settembre intorno alle 21 mentre de Kirchner era intenta a salutare i sostenitori fuori dalla sua casa nel quartiere Recoleta di Buenos Aires. Un uomo le ha puntato un’arma alla testa e ha premuto il grilletto“, ha sottolineato il presidente in una trasmissione nazionale. Alberto Fernández lo ha definito “l’incidente più grave da quando abbiamo recuperato la democrazia” e ha esortato i vari leader politici dell’Argentina a ripudiare l’incidente. Secondo quanto riferito dal quotidiano argentino Clarín, un brasiliano di 35 anni è stato arrestato sul posto.

Il video

Gli eventi drammatici sono stati ripresi dalle telecamere fuori dalla casa di Fernández de Kirchner, dove i sostenitori si erano radunati per giorni per protestare contro le accuse di corruzione presentate contro di lei in tribunale.

Il filmato mostra l’uomo che spinge tra i sostenitori, punta una pistola alla faccia di Fernández de Kirchner e apparentemente tenta un colpo, che sembra non funzionare correttamente. Secondo alcuni rapporti, l’uomo ha puntato la pistola contro Fernández de Kirchner ma non ha sparato. La due volte ex presidente, figura politica di spicco dell’Argentina, può essere vista reagire, coprendosi il viso e curvandosi. Secondo quanto riferito, era illesa.

Ultime notizie