venerdì, 30 Settembre 2022

Bologna, cadavere nel Reno trovato da canoisti: prevale l’ipotesi del suicidio

Si tratta di un clochard di 57 anni, conosciuto anche per la sua attività di pittore. Prevale l'ipotesi suicidio, ma la Procura ha predisposto l'autopsia.

Da non perdere

Il cadavere di un 57enne è stato ritrovato ieri sera, mercoledì 31 agosto, nelle acque del Reno a Casalecchio di Reno, nel Bolognese. Alcuni canoisti hanno avvistato il corpo senza vita dell’uomo intorno alle 19:30, vicino a un pilone del cosiddetto “ponte blu”, un attraversamento pedonale che collega le sponde del fiume, e hanno subito avvertito le forze dell’ordine. Sul posto sono intervenuti i Vigili del Fuoco, con i sommozzatori, che hanno recuperato la salma. Gli accertamenti dei Carabinieri sono proseguiti fino a tarda sera, senza escludere alcuna ipotesi e il cadavere è stato identificato: si tratta di un clochard che si fermava abitualmente a Bologna tra via San Felice e via dell’Abbadia.

Il pittore clochard

L’uomo era inoltre noto per essere un pittore e aveva ricevuto anche un riconoscimento dell’Accademia delle Belle Arti. L’ipotesi prevalente è quella del suicidio, che sarebbe avvenuto in un punto più a monte rispetto a dove è stato ritrovato il corpo: nell’alloggio popolare del 57enne sono state trovate scritte che fanno appunto pensare al gesto estremo. Non si esclude comunque al momento nessuna ipotesi e la Procura ha disposto l’autopsia.

Ultime notizie