giovedì, 29 Settembre 2022

Milano, entra nel bar e accusa un uomo di aver filmato la sua ragazza: 43enne spara un colpo in aria fuori dal locale

I Carabinieri hanno trovato l'uomo nella sua casa milanese mentre tentava di cambiare aspetto; si era rasato i capelli ai lati della testa e aveva buttato la pistola fuori dalla finestra. L'uomo è stato denunciato per detenzione e porto abusivo d'arma da fuoco e ricettazione.  

Da non perdere

Oggi, 31 agosto, un 43enne è entrato in un bar di Bresso, nel Milanese, e ha accusato pubblicamente un uomo di origini egiziane di star riprendendo con il cellulare la sua ragazza. Nel locale si è infiammata la discussione, ma sembrava che l’episodio fosse destinato a finire lì. Invece no, il fidanzato è tornato a casa e ha preso una pistola Beretta 92 per poi tornare sul posto e sparare un colpo in aria fuori dal locale. Immediato l’intervento dei Carabinieri che hanno trovato nell’arma, risultata rubata a Milano nel 2013, un proiettile inesploso. I militari hanno provveduto ad ascoltare la testimonianza della ragazza presente ancora nei pressi del bar; quest’ultima ha raccontato una versione molto diversa da quella rilasciata dagli altri testimoni e per questo è stata denunciata per favoreggiamento.

Una volta giunti nell’abitazione milanese del 43enne, i Carabinieri hanno colto l’uomo mentre tentava di cambiare aspetto e rendersi irriconoscibile. Quest’ultimo aveva appena terminato di rasarsi i capelli ai lati della testa e aveva buttato la pistola fuori dalla finestra del suo appartamento. Per l’uomo – con precedenti a carico e inadempiente alle prescrizioni imposte dall’affidamento ai servizi sociali – è scattata la denuncia per detenzione e porto abusivo d’arma da fuoco e ricettazione.

Ultime notizie