venerdì, 30 Settembre 2022

Identificato cadavere nell’auto bruciata, è un 40enne del Kosovo con precedenti: dal proprietario del suv nessuna denuncia

Il cadavere carbonizzato ritrovato ieri è di un 40enne originario del Kosovo con diversi precedenti penali per traffico di stupefacenti. La Procura ha disposto l'autopsia sul corpo per chiarire le dinamiche dell'omicidio.

Da non perdere

Il cadavere carbonizzato ritrovato all’interno di una Range Rover nella giornata di ieri 29 agosto a Cologne, in provincia di Brescia, è di un uomo di 40 anni originario del Kosovo. Il mezzo è stato trovato in fiamme ieri mattina nelle campagne della cittadina del Bresciano e dopo l’intervento dei Vigili del Fuoco, nel bagagliaio è stato rinvenuto il cadavere bruciato. Secondo la ricostruzione dei Carabinieri, il 40enne aveva alcuni precedenti penali per traffici di stupefacenti. La Procura di Brescia ha disposto l’autopsia sul corpo, prevista nel pomeriggio di oggi 30 agosto, per chiarire se la vittima sia stata uccisa sul posto, o se l’omicidio sia avvenuto altrove con il cadavere trasportato sul luogo del ritrovamento in un secondo momento, e infine bruciato.

Nel frattempo i militari hanno rintracciato il proprietario del suv, e lo hanno identificato come un uomo di 34 anni, anche lui originario del Kosovo. Il 34enne ha raccontato alle Forze dell’Ordine di non sapere cose fosse successo alla sua auto, ma di non averne denunciato il furto. Nel frattempo i Carabinieri continuano a ricostruire gli ultimi movimenti della vettura, che alcuni testimoni avrebbero visto passare ad alta velocità tra i vigneti di Cologne qualche ora prima che andasse in fiamme.

Ultime notizie