giovedì, 29 Settembre 2022

Guerra in Ucraina, 4 morti e 4 feriti in un attacco russo su Kharkiv. Gazprom diminuisce forniture di gas ad Engie. Mosca: “Kiev ostacola missione Aiea”

Quattro civili hanno perso la vita, e altrettanti sono rimasti feriti, a causa di un bombardamento russo su Kharkiv. Mosca ha catturato 485 civili nella regione ucraina di Zaporizhzhia. Di questi, 207 sono ancora in ostaggio. La società di fornitura energetica francese Engie ha riferito che il colosso russo Gazprom ha operato, a partire da oggi, una notevole riduzione del flusso di gas fornito.

Da non perdere

Secondo l’esercito di Kiev, circa 47.500 soldati russi sono stati uccisi in Ucraina dall’inizio del conflitto. Nell’aggiornamento sulle perdite subite da Mosca, inoltre, si registrano 234 caccia, 204 elicotteri e 847 droni. Le forze di Kiev affermano di aver distrutto 1.954 carri armati russi, 1.079 sistemi di artiglieria, 4.294 veicoli blindati per il trasporto delle truppe, 15 navi e 196 missili da crociera. Quattro civili, intanto, hanno perso la vita, e altrettanti sono rimasti feriti, a causa di un bombardamento nemico su Kharkiv. A renderlo noto è stato il capo dell’amministrazione militare regionale, Oleh Syniehubov, su Twitter.

Mosca: “Kiev ostacola missione Aiea”

L’esercito russo ha catturato 485 civili nella regione ucraina di Zaporizhzhia. Di questi, 207 sono ancora in ostaggio. È quanto emerso da un rapporto dell’Amministrazione militare regionale. Prosegue, nel frattempo, lo scambio di accuse tra Mosca e Kiev circa gli attacchi alla centrale nucleare di Zaporizhzhia. Nelle prime ore di oggi, il capo dell’amministrazione militare della regione ha denunciato un attacco russo sulla città. A seguire, il funzionario russo Vladimir Rogov ha accusato Kiev di aver colpito la centrale. “Il motivo dell’attacco è dovuto alla volontà da parte di Kiev di ostacolare la missione dell’Aiea”, ha scritto su Telegram.

Gazprom diminuisce le forniture di gas ad Engie

La società di fornitura energetica francese Engie ha riferito che il colosso russo Gazprom ha operato, a partire da oggi, una notevole riduzione del flusso di gas fornito. La ragione risiederebbe nel disaccordo tra le parti sull’applicazione di alcuni contratti. Engie ha ricordato che la fornitura di gas era già notevolmente diminuita dall’inizio della guerra, con un flusso mensile recente di circa 1,5 TWH, a fronte di forniture annue complessive in Europa superiori a 400 TWH. La società, tuttavia, ha specificato di essersi già assicurata i volumi necessari per far fronte agli impegni presi con i propri clienti. 

Ultime notizie