martedì, 27 Settembre 2022

Svaligiano una casa in pieno giorno ma la padrona se ne accorge: in cinque messi in fuga dalla nonnetta sprint

A Coverciano oltre alla Nazionale, "giocano" in pieno giorno anche i ladri. Stamattina è stata derubata una signora di tutto ciò che di più prezioso aveva da 5 peruviani molto organizzati intorno alle ore 12. La Volante della Polizia ha subito fermato i malviventi e restituito il "bottino" alla signora.

Da non perdere

Ieri mattina a Firenze, la Polizia ha arrestato cinque peruviani, di età compresa tra i 35 e i 60 anni, dopo un furto a casa di un’anziana a Coverciano. Gli agenti sono anche riusciti a recuperare e restituire alla vittima l’intera refurtiva. Il gruppo avrebbe agito come “professionisti”, indossando anche auricolari per comunicare in tempo reale tra “esecutori”, “palo” e “autisti dei mezzi”.

La vicenda

I Falchi della Squadra Mobile fiorentina intorno alle ore 12 hanno rintracciato in strada un paio di autovetture sospette con due uomini al volante e, poco distante, in prossimità di una fermata dell’autobus, una terza persona con gli auricolari pronta ad avvisare gli altri in caso di problemi. I Poliziotti si sono quindi appostati e, dopo qualche minuto, hanno notato una signora avvicinarsi ad un palazzo. Una volta attraversato il giardino condominiale la donna ha incrociato altri due uomini che, mentre uscivano dallo stabile, l’avrebbero anche salutata cordialmente. Questi ultimi sono saliti insieme al “palo” sulle auto tenute d’occhio dalla Polizia e tutti e cinque si sono allontanati rapidamente.

La Polizia è entrata subito in azione: alcuni agenti hanno accertato che era appena stato svaligiato proprio l’appartamento della donna vista rincasare poco prima. Nel frattempo, altre pattuglie hanno invece raggiunto e fermato in sicurezza le due auto, dall’interno delle quali è saltato fuori il bottino del furto appena commesso, tre paia di guanti e una serie di strumenti da scasso: alcuni cacciaviti, una tronchese e un piede di porco con il quale era stata verosimilmente forzata e scardinata la porta della vittima. L’intera refurtiva, borselli, documenti, orologi, bracciali ed elettrodomestici di vario tipo, è stata subito restituita alla legittima proprietaria, mentre i cinque cittadini stranieri sono finiti tutti in manette.

Le indagini

Secondo quanto ricostruito dalla Squadra Mobile, gli arrestati sarebbero stati, poco prima, anche protagonisti di un tentato furto in un condominio a Gavinana dove, dopo essere stato forzato il portone principale, il gruppetto non sarebbe però andato oltre, probabilmente a causa di un contrattempo o dell’improvviso arrivo di qualche residente. La Polizia di Stato è poi andata a fondo nella vicenda, sequestrando infine in zona Stadio, in una delle dimore fiorentine degli indagati, oltre un migliaio di euro in contanti, gioielli e tutta una serie di oggetti, tra i quali anche apparecchiature elettroniche e una decina di orologi di marca, che gli investigatori non escludono essere il provento di altri analoghi furti, per i quali sono già in corso accertamenti per individuare le possibili vittime.

Ultime notizie