mercoledì, 28 Settembre 2022

“Contatti con l’aldilà” ma senza ricevuta fiscale: medium beccata a evadere il Fisco. Tariffe da 100 euro a seduta

Ricavi non dichiarati per oltre 140mila euro. Dal 2016 la medium avrebbe tenuto centinaia di sedute con clienti, pubblicato libri e organizzato corsi di “attitudine alla medianità” nonché “eventi spirituali” in diverse città d’Italia.

Da non perdere

A Parma la Guardia di Finanza ha eseguito una verifica fiscale nei confronti di una sedicente medium risultata sprovvista di partita iva e totalmente inadempiente a qualsiasi obbligo dichiarativo fiscale. Lo rende noto l’ufficio stampa delle Fiamme Gialle con un comunicato arrivato in redazione. In particolare, secondo quanto emerso dalle attività ispettive, a partire dal 2016, la medium avrebbe tenuto centinaia di sedute con clienti, pubblicato libri e organizzato corsi di “attitudine alla medianità” nonché “eventi spirituali” in diverse città d’Italia.

Per ogni seduta i clienti avrebbero corrisposto, sotto forma di “donazione”, somme di importi variabili, pari in media a 100 euro incassati con bonifici o in contanti, senza il rilascio di alcun documento fiscale. L’omessa dichiarazione al fisco ha riguardato anche i compensi percepiti dalla vendita dei libri pubblicati dalla donna, acquistabili sui principali canali di vendita anche on line.

Durante l’attività ispettiva, considerata la totale assenza della documentazione contabile, i finanzieri hanno ricostruito il reddito sottratto a tassazione attraverso l’analisi dei flussi finanziari sui conti correnti bancari e l’esame delle informazioni contenute in agende recanti gli appuntamenti con i clienti e in manoscritti ove venivano documentati i “contatti con l’aldilà”. All’esito dell’attività ispettiva, sono stati constatati ricavi non dichiarati per oltre 140mila e un’evasione iva di oltre 25mila euro.

Ultime notizie